Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Luigi Serena

Serena Luigi

Montebelluna - Treviso 1855 / Treviso 1911

Painter
Biografia

da A. M. Comanducci
Nato a Montebelluna (Treviso) il 1° agosto 1855, morto a Treviso il 12 marzo 1911.
Imparò i primi elementi del disegno dal padre suo e da Marco Moro.
Appena quattordicenne, eseguì una copia del Giove Olimpico del Belvedere, in modo che il sindaco di Murano ottenne per lui un sussidio dalla Provincia, sussidio col quale il giovinetto potè frequentare l'Accademia di Venezia.
Vi ebbe a maestro Pompeo Marino Molmenti, e a condiscepoli Giacomo Favretto, Luigi Nono, Alessandro Milesi, Ettore Tito.
Quantunque non sdegnasse trattare il paesaggio, e fosse abilissimo nel ritratto, tanto che suo miglior lavoro è considerato il "Ritratto del padre", eccelse nel quadro di genere, nel quale raggiunse solidità di costruzione, grande luminosità, magistero disegnativo. Queste qualità gli vennero però tardivamente riconosciute, cosicchè egli visse stentatamente e in povertà morì.
Dal 1878 aveva preso stabile dimora a Treviso, che è ricordato in molti suoi paesaggi.
Quivi eseguì "El stalo", che ottenne successo all'Esposizione di Parigi del 1889 e fu lodato da Giovanni Boldini; "Andemo a la sagra"; "Baruffa di donne"; "La morosa in collera", proprietà Ugo Sevi; "Dolci parole", tutte esposte a Venezia nel 1881; "Pollivendola" e "Lassime el filo", inviate a Torino nel 1883 e, nello stesso anno eseguì "Femo pase" e "Piazzetta al molo".
A Torino, nel 1884, presentò "Al lavatoio"; nel 1886, a Firenze "Innocenti", attualmente nella Galleria di Dresda insieme con la nominata "Baruffa di donne".
Altri suoi lavori di quel periodo sono: "Prime preghiere", appartenente ad Ugo Furlanetto; "Il frutto proibito", proprietà del conte Revedin; "Il sottoportico dei Buranelli"; "Idillio al mercato", appartenente all'ing. A. Sernagiotto; "Lavandaie", proprietà di Giuseppe Berti, che ha in suo possesso anche "Cantanti girovaghi"; "Popolana", appartenente al signor Giulio Olivi; "All'abbeveratoio", appartenente al comm. R. Zoccoletti; "Mercato di fiori"; "La pentita".
Con "La morte di Pierrot"; "Momento buono" e "Sine labe", quest'ultimo esposto alla Internazionale Veneziana del 1897, e che vi suscitò elogi e aspre critiche, il Serena tentò di indirizzarsi verso un'arte filosofeggiante, per la quale non era portato.
Roso da una malattia che indeboliva le sue forze, morì povero e solo.
Fra i suoi ritratti si citano ancora quello del "cav. Mercato", proprietà del cav. Ancillotto; del "signor Agostino Springelo", appartenente all'effigiato; del "signor Filippo Danieli", pure proprietà dell'interessato.
Il Comune di Treviso, che acquistò "Sine labe", possiede pure dell'artista la tela "Vittime", e nel 1928 gli dedicò nella Pinacoteca Comunale, un ricordo marmoreo.




Works of Luigi Serena



 

would you like to sell a work of Luigi Serena?

 

would you like to buy a work of Luigi Serena?

 

Please fill out the form below


Select the images you would like to upload and send to us

Select image n.1
Select image n.2
Select image n.3