Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Teodoro Matteini

Matteini Teodoro

Pistoia 1754 / Venezia 1831

Painter
Biografia

da A.M. Comanducci

Nato a Pistoia il 10 maggio 1754, morto il 15 novembre 1831. Dal padre Ippolito Matteini, che dipinse quadri e figure in chiese e palazzi della sua città e nel palazzo Forteguerri soggetti tolti dal «Ricciardetto», ebbe i primi insegnamenti dell'arte. Nicolò Forteguerri, canonico, aiutò il giovane Teodoro perchè andasse a Roma, dove fu allievo di Domenico Corvi e di Pompeo Batoni. Compiuti gli studi, ebbe commissioni importanti: quella, tra le altre, di due quadri per la chiesa di San Lorenzo in Lucina. Chiamato a Firenze da Ferdinando III nel 1794, dipinse "Angelica e Medoro", il più famoso dei suoi quadri, divulgato dall'incisione di Raffaello Morghen e venduto in Inghilterra. Per incarico del Granduca passò poi a Milano, ove strinse relazione con Giuseppe Bossi e con Andrea Appiani sr, e nel 1800 trasse dal Cenacolo Vinciano il disegno che servì alla stampa del Morghen e che fu dunque anteriore alle copie e agli studi che di quella pittura fece lo stesso Bossi. Dopo una dimora di qualche anno a Bergamo, dove lavorò parecchio, si stabilì a Venezia. Nel 1807, nominato, per suggerimento di Antonio Canova, insegnante di elementi e di pittura a quell'Accademia, fu maestro di Francesco Hayez, Giovanni Demin, Odorico Politi, Lodovico Lipparini, Cosroe Dusi, Giovanni Andrea Darif, Sebastiano Santi, Michelangelo Grigoletti. Occupato dall'insegnamento e continuando a far disegni di quadri a servizio degli incisori a Venezia dipinse poco: qualche copia degli antichi, pochi soggetti storici o sacri d'invenzione, vari; ritratti nei quali rappresentava spesso i personaggi su fondi ameni e con attributi simbolici. «Deferente al Canova scrive Nino Barbantini nel Catalogo della Mostra del Ritratto Veneziano dell'Ottocento— Proclamando la necessità di studiare soprattutto i Greci e che la base precipua della pittura è il disegno, fu considerato ai suoi tempi come l'iniziatore a Venezia della nuova scuola, cioè della reazione classica contro il sopravvivere del settecentismo. Ma più che dai Greci imparò dai Francesi e dagli Inglesi del suo tempo, specialmente il gusto del ritratto decorativo e fantastico, piacevole per le qualità gentili della composizione più che per i pregi intrinseci del colore, che spesso è terreo e opaco, o per quelli del disegno, debole e scorretto. Le sue figure, vagamente pensose e somiglianti non rivelano in lui il classico che gli altri e forse egli stesso ritennero che fosse, ma piuttosto un precursore del Romanticismo». Fra le sue opere si citano il "San Giovanni Battista nel deserto", a Bergamo, "La predicazione di San Bernardino" a Perugia; e i ritratti del "conte Guglielmo Bevilacqua"; del "conte Widmann"; del "conte Quarenghi"; della "contessa Quarenghi".


Works of Teodoro Matteini



 

would you like to sell a work of Teodoro Matteini?

 

would you like to buy a work of Teodoro Matteini?

 

Please fill out the form below


Select the images you would like to upload and send to us

Select image n.1
Select image n.2
Select image n.3