Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Luigi Di Giovanni

Di Giovanni Luigi

Palermo 1856 / Palermo 1938

Painter, Decorator
Biografia

Figlio d'arte, il padre Giuseppe Di Giovanni è un affermato incisore e decoratore, studia a Napoli alla scuola di Domenico Morelli dal 1874 al 1882 dove, oltre al siciliano Paolo Vetri che pare sia stato il suggeritore del suo trasferimento in Campania, ci sono, tra gli altri, Antonio Mancini e Francesco Paolo Michetti.
Il suo esordio nella città partenopea si può datare al 1875, con una serie di disegni ed acquerelli presentati alla XII Mostra della Società Promotrice, ma le sue partecipazioni ad esposizioni e mostre furono numerose.
Nel 1882 torna a Palermo dove dal 1886 insegna disegno all'Istituto di Belle Arti e poi, a metà degli anni venti, pittura all'Accademia.
La Casa Reale acquista nel 1886 all'Esposizione di Palermo "Matassa da dipanare", dipinto destinato al Palazzo del Quirinale; nel 1887 è all'Esposizione Nazionale di Venezia, dove propone "Preparativi carnevaleschi", quadro che ripresenterà nel 1889 alla LX Amatori e Cultori di Roma e nel 1891 all’Esposizione nazionale di Palermo, dove fu chiamato a realizzare il dipinto "Piazza Duomo di Messina".
La sua pittura spazia dal mondo contadino e popolare alle scene di genere, alle composizioni storiche e allegoriche, nonché ai ritratti di personaggi della buona società palermitana e religiosi.
Non meno importante è la partecipazione ai grandi cicli decorativi del Teatro Politeama, dove insieme al padre Giuseppe e a Michele Cortegiani affresca parti del palcoscenico e i saloni, e del Teatro Massimo, dove lavora a fianco di Rocco Lentini ed Ettore De Maria Bergler.

Partecipa, nel 1904, all'Esposizione Italiana "Italian Exhibition Earl's Court" a Londra, organizzata dalla Italian Chamber of Commerce a Londra, esponendovi il dipinto (trittico) "Madonna and Infant, Saint Catherine e Saint Rosa".

 

 

da A. M. Comanducci
Nato a Palermo il 19 giugno 1856, morto nel 1938. Studiò all'Istituto di Belle Arti di Napoli, allievo, per nove anni, di Domenico Morelli. Produsse vari acquarelli e pastelli. Opere principali: "Ritratto del Morelli", esposta alla Promotrice di Napoli del 1875 assieme ad altri acquarelli; "Non l'avessi mai detto", che figurò a Napoli nel 1877; "Cappella di Sant'Antonio", nella chiesa di San Paolo a Napoli, esposta a Torino nel 1880; "Gelosa"; "Cappella del Crocifisso" e "Suonatrice orientale", esposte a Milano nel 1881; "Rinvenimento del cadavere di Pietro Micca"; "Giovedì Santo", acquistata dalla contessa Mazzarino; "Preparativi carnevaleschi", esposta a Venezia nel 1887, e "Il trionfo della morte", riproduzione a penna di un affresco esistente a Palermo.

Bibliografia

A.M. Comanducci - Pittori italiani dell'Ottocento - Milano 1934
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni - II ediz. Milano 1945
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni e contemporanei - III ediz. Milano 1962


Works of Luigi Di Giovanni



 

would you like to sell a work of Luigi Di Giovanni?

 

would you like to buy a work of Luigi Di Giovanni?

 

Please fill out the form below


Select the images you would like to upload and send to us

Select image n.1
Select image n.2
Select image n.3