Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Francesco Longo Mancini

Longo Mancini Francesco

Catania 1880 / Roma 1948

Pittore
Biografia

Dopo aver conseguito la licenza dell' Istituto Tecnico a 17 anni e aver sempre dimostrato grande passione per l'arte con l'aiuto di Giuseppe Sciuti riesce a convincere il padre a mandarlo a Roma per “i floridi (ma non sempre) sentieri dell'arte”.
I consigli ed il conforto di Sciuti lo accompagnano dal 1898 a Roma nei 4 anni di frequenza alla Scuola Libera di Nudo gestita da Francesco Jacovacci con Giulio Cantalamessa.
Poco dopo il suo arrivo a Roma espone Partita di bocce alla Promotrice Romana del 1898 e, nonostante il pubblico e la critica abbiano apprezzato il suo lavoro, per sopravvivere dipinge quadretti per cinque, dieci lire.
La sorte muta d’improvviso però: nel 1907 il Re acquista all'esposizione di Catania Preghiera di Maometto; la Galleria Musetti di Genova, nel 1912, acquista un dipinto esposto a Roma, uno finisce nella collezione della Galleria Warld di Berlino e finalmente anche lo Stato italiano lo onora di un acquisto destinato alla Pinacoteca di Ravenna.
Nel 1921 finito l'impegno bellico a cui ha preso onorevolmente parte, espone finalmente le sue opere in una mostra personale a Roma, seguono Napoli, Milano, Genova.
A una pittura più impegnata e simbolica non ancora sufficientemente studiata e di cui non sono molte le opere ad oggi riapparse sul mercato, si affianca una più diffusa e conosciuta costituita da ritratti e nudi femminili spesso ambientati in finte scenografie settecentesche, caratterizzata da atmosfere suadenti e provocanti, e da una tecnica rapida in cui prevalgono ampie zone non finite e veloci giochi cromatici.



da A. M. Comanducci ediz 1962
Nato a Catania il 5 dicembre 1880. Dopo aver studiato all'Istituto tecnico di quella città, a sedici anni per consiglio di Giuseppe Sciuti si recò a Roma dove frequentò per qualche tempo lo studio di Francesco Jacovacci e si iscrisse alla Scuola libera del Nudo, nella quale ebbe per insegnanti Giulio Cantalamessa , Francesco Jacovacci e Filippo Prosperi. Nel 1898 si fece notare alla Promotrice di Roma per un quadro intitolato "Partita alle bocce". Per fronteggiare le necessità economiche dovette fare ritratti e piccoli bozzetti per i negozianti d'arte. Ma nel 1907, esposta a Catania "La preghiera di Maometto", acquistata dal Re, incominciarono tempi migliori. "I Superstiti", esposto a Roma nel 1912, piacque, e "Armonie di montagna", acquistato dallo Stato, fa parte della Pinacoteca di Ravenna. Nel 1921 egli tenne a Roma una «personale». In seguito espose alla «Amatori e Cultori», sempre ben accolto dal pubblico e dalla critica. Nel 1925 tenne a Genova un'altra personale, con ventotto quadri ad olio e quattordici disegni. Furono notati: "Amori di Pierrot"; "Arlecchino innamorato"; "Birichina"; "La preghiera del nonno"; "Il violinista"; "La sfida al Centauro". Per nulla influenzato dalle correnti d'avanguardia, il Longo Mancini è fine interprete della grazia femminile, buon ritrattista, e non trascura il paesaggio.

Bibliografia

A.M. Comanducci - Pittori italiani dell'Ottocento - Milano 1934
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni - II ediz. Milano 1945
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni e contemporanei - III ediz. Milano 1962


Opere dell'autore Francesco Longo Mancini



 

Vuoi vendere un'opera di Francesco Longo Mancini?

 

Vuoi comprare un'opera di Francesco Longo Mancini?

 

utilizza l'apposito modulo di contatto qui sotto


Puoi caricare delle immagini da allegare al messaggio:

Seleziona immagine n.1
Seleziona immagine n.2
Seleziona immagine n.3