Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Gaspare Landi

Landi Gaspare

Piacenza 1756 / Piacenza 1830

Painter
Biografia

da A.M. Comanducci ediz 1962

Nato a Piacenza il 16 gennaio 1756 mortovi il 24 febbraio 1830. Studiò disegno e pittura rispettivamente con Gaspare Bandini e Antonio Porcelli. Recatosi a Roma nel 1781, si perfezionò nello studio di Pompeo Batoni. Nella Città eterna conobbe Antonio Canova al quale fu legato da amicizia. Quantunque neoclassico, ha una sagacia psicologica, una verità e varietà d'atteggiamenti, che lo fanno considerare come uno dei fondatori della scuola moderna ottocentesca. Nello stesso tempo egli ha la grazia del Settecento, appresa dal Batoni. Dipinse quadri mitologici, sacri e ritratti: in questi eccelse. Nel 1797, proclamata in Roma la Repubblica se ne allontanò per tornare nella sua Piacenza. Nel 1810 successe al Canova nella presidenza dell'Accademia di San Luca a Roma. Nel 1827, mentre dipingeva la pala "La Concezione", che è a Napoli nella chiesa di San Francesco da Paola, fu colpito da un primo attacco apoplettico. Ristabilitosi alla meglio, compì il quadro e tornò alla sua città natale, dove cedette ad un nuovo insulto del male. Sue opere: "La Deposizione di Maria al Sepolcro", tra le più perfette da lui eseguite; "Gli Apostoli davanti al sepolcro vuoto di Esso", nella cattedrale di Piacenza; "Ritratto del Canova", nell'Accademia Carrara di Bergamo; "Le Marie al Sepolcro"; "Donna piangente", all'Ambrosiana di Milano; "L'artista a Firenze"; "La bella greca sorpresa da Alcibiade nel candido letto"; "Ratto del Palladio"; "Matrimonio di Sara"; "Ratto di Antigorze"; "Lo Spasimo", per San Giovanni di Piacenza; "La partenza di Maria Stuarda da Parigi"; "Ritratto del conte Alfonso Scotti", lavoro che gli fruttò molte lodi. Altri dipinti suoi si trovano nell'Istituto Gazzola a Piacenza nella Pinacoteca di Parma e nella Galleria Tosio a Brescia. Nel 1926 fu tenuta a Venezia una mostra retrospettiva, esclusivamente di suoi ritratti: vi figurarono ventuno opere, fra le quali gli "Autoritratti", che trovansi nella Galleria degli Uffizi a Firenze e nella Pinacoteca Comunale di Faenza; un "Ritratto di Canova" della Galleria Borghese di Roma; il "Ritratto della N. D. Caterina Anguissola da Travo"; del "nobile Giuseppe Fioruzzi"; del "Sottoprefetto Gian Francesco Caravelle"; quello della "Famiglia del Marchese G. B Landi di Piacenza".

Bibliografia

A.M. Comanducci - Pittori italiani dell'Ottocento - Milano 1934
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni - II ediz. Milano 1945
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni e contemporanei - III ediz. Milano 1962

S. Betti - Elogio funebre del cav. Gaspare Landi - Roma 1830

B. Pollinari - Sul dipinto di Gaspare Landi "L'andata al calvario" - Piacenza 1886

G.G. Rossi - Lettera sopra due quadri ecc. - Roma 1795

D'Ancona - La pittura italiana dell'Ottocento - Milano 1954

Ambiveri - Gli artisti piacentini - 1879

Thieme Becker  - Kunstlerlex - 1928

Scarabelli - Opuscoli - 1843

Enciclopedia Italiana Treccani - Roma 1933

Catalogo XV Biennale Veneziana - 1926

Nuovissima guida di Piacenza ecc - 1841

Aurea Parma - 1932

Galletti e Camesasca - Enciclopedia della pittura italiana


Works of Gaspare Landi



 

would you like to sell a work of Gaspare Landi?

 

would you like to buy a work of Gaspare Landi?

 

Please fill out the form below


Select the images you would like to upload and send to us

Select image n.1
Select image n.2
Select image n.3