Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Francesco Fanelli

Fanelli Francesco

Livorno 1869 / Bagno a Ripoli - Firenze 1924

Painter
Biografia

da A.M. Comanducci ediz 1962

Nato a Livorno il 9 marzo 1863 1869, morto a Torre del Lago (Viareggio) il 16 luglio 1924. Iniziò i suoi studi a Lucca con Luigi Norfini; nel 1888 andò a Firenze e frequentò la scuola di Giovanni Fattori. Visse poi ritirato a Torre del Lago, sulle sponde del Massaciuccoli, dedito a riprodurre i suggestivi aspetti di quei luoghi tranquilli. Dipinse con la serenità che è propria della sua scuola, riproducendo il vero con fedeltà. Espose a Firenze, a Torino, a Milano e a Genova. Alla Primaverile Fiorentina del 1922 aveva inviato il "Ritratto di Tiburzio" e "Tacchino". Altri lavori: "Lavandaie sul lago", esposto a Milano nel 1900 e a Firenze nel 1901; "Serenità marinara" nella collezione Arcangeli di Livorno; "La guardiana delle oche", reputata una delle sue opere migliori e ospitata nella raccolta del dott. Pietro Bini di Viareggio. Alla Mostra dell'800 livornese (Livorno 1948) erano esposte: "Becolino" e "Paesaggio di montagna". Fu l'amico prediletto del Maestro Giacomo Puccini.

 

Bibliografia

A.M. Comanducci - Pittori italiani dell'Ottocento - Milano 1934
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni - II ediz. Milano 1945
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni e contemporanei - III ediz. Milano 1962

L. Callari - Storia dell'Arte contemporanea italiana - Roma 1909

Thieme Becker  - Kunstlerlex - 1915

Opere

Becolini - Museo Civico Giovanni Fattori di Livorno

Massaie 1895- Museo Civico Giovanni Fattori di Livorno


Works of Francesco Fanelli



 

would you like to sell a work of Francesco Fanelli?

 

would you like to buy a work of Francesco Fanelli?

 

Please fill out the form below


Select the images you would like to upload and send to us

Select image n.1
Select image n.2
Select image n.3