Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Umberto Coromaldi

Coromaldi Umberto

Roma 1870 / Roma 1948

Pittore
Biografia

Filippo Indoni noto acquerellista, sposa la madre di Umberto rimasta vedova poco dopo la sua nascita, ed è lui a dargli le prime nozioni di pittura.
In seguito frequenta i corsi all'Istituto di Belle Arti di Roma, con Filippo Prosperi come maestro di disegno.
Nel 1893 espone per la prima volta a Roma, l'anno successivo con Il ritorno dei naufraghi, vince il pensionato artistico che gli permette di compiere viaggi di studio all'estero.
Catturato dalla pittura e dai colori di Antonio Mancini ne segue gli insegnamenti per completare la sua formazione pittorica.
Si dedica allo studio dal vero, con una attenta osservazione della realtà e una fedele interpretazione della natura, resa con una malinconia tutta personale.
Con il soprannome di "cefalo"  fa parte del gruppo dei XXV della Campagna Romana, rappresenta ad olio, tempera, pastello e acquerello i temi del paesaggio romano in modo semplice ed efficace dedicando il suo sguardo in particolare a pastori e pecorai, a donne e bambini che lo popolano e lo rendono fecondo con il loro lavoro.
Ottiene dal 1909 la cattedra di figura disegnata all'Istituto di Belle Arti di Roma ed è presidente dell'Accademia di San Luca e socio onorario di quelle di Brera e di Parma.
Con Enrico Coleman, Onorato Carlandi, Filiberto Petiti e Duilio Cambellotti, illustra il volume sui I Castelli Romani di Edoardo De Fonseca con quattro tavole: Costa Nettunese, Nettuno, L’Appia Nova, Fra Anzio e Nettuno.



da A. M. Comanducci ediz 1962
Nato a Roma il 21 settembre 1870, morto ivi il 5 ottobre 1948. Frequentò i corsi dell'Istituto di Belle Arti di Roma, poi studiò con Antonio Mancini. Espose per la prima volta a Roma nel 1893 e nello stesso anno a Monaco di Baviera. Da quell'epoca è stato presente a tutte le principali esposizioni nazionali ed internazionali. Nel 1894, col quadro "Il ritorno dei naufraghi" vinse il pensionato nazionale. Si dedicò allo studio dei soggetti all'aria aperta, allontanandosi così a poco a poco dalla maniera manciniana. Ha prodotto in massima parte visioni campestri con animali, pur non trascurando i soggetti pescherecci e marinari. Fu premiato con medaglia d'oro a Monaco di Baviera nel 1905 e nel 1909; un'altra medaglia ebbe a Barcellona nel 1910. Opere principali: "Vanitosa", nella Galleria d'Arte Moderna di Milano; "Il cenciaiolo", nel Museo Reale di Stoccarda; "I frattaroli", di proprietà del marchese Roi di Vicenza; "Ninna nanna", di proprietà del principe don Giovanni Torlonia in Roma; "Il corredo", di proprietà del comm. Valcarenghi di Milano; "Sulla strada della fonte", nella Galleria Mussolini a Roma; "Madre contenta", nella Galleria d'Arte Moderna di Firenze e "La pesca", nella Reale Accademia di San Luca, della quale il Coromaldi fu presidente.

Bibliografia

A.M. Comanducci - Pittori italiani dell'Ottocento - Milano 1934
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni - II ediz. Milano 1945
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni e contemporanei - III ediz. Milano 1962
Thieme Becker  - Kunstlerlex - 1912
Emporium - 1907   1908  1912
Illustrazione Italiana - 1903
L'Arte


Opere dell'autore Umberto Coromaldi



 

Vuoi vendere un'opera di Umberto Coromaldi?

 

Vuoi comprare un'opera di Umberto Coromaldi?

 

utilizza l'apposito modulo di contatto qui sotto


Puoi caricare delle immagini da allegare al messaggio:

Seleziona immagine n.1
Seleziona immagine n.2
Seleziona immagine n.3