Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Enrico Coleman

Coleman Enrico

Roma 1846 / Roma 1911

Painter
Biografia

da A. M. Comanducci ediz 1962 
Nato a Roma il 21 giugno 1846, mortovi il 14 febbraio 1911. Figlio di Charles Coleman, pittore inglese stabilitosi nella Città Eterna, seguì le orme del padre, e ben presto lo sorpassò. Di carattere calmo e assorto, visitò e osservò il Lazio in tutti i suoi aspetti meno noti e si diede soprattutto alla rappresentazione dei cavalli, cogliendone il carattere con una verità straordinaria.  Fu anche acquerellista apprezzato. Espose a Torino, nel 1880, "Entrata nel bosco"; "Escursione al Monte Semprevivo"; "Inondazione della campagna romana"; a Milano nel 1881, "Vole? Vole Madama?"; a Roma nel 1883, "Timor panico" (esposto poi a Torino nel 1884); "Un ingombro"; "Seppellire i morti"; "A duemila metri"; "Una via di Castel di Sangro". Vinse una medaglia d'oro all'Esposizione Alpina del 1888 a Bologna. Altre sue opere: "Centauri" e "La desolata Campagna di Roma", appartenenti alla galleria d'Arte Moderna di Roma; "Scarpa"; "Campagna romana"; "Macchia di Acquatraversa"; "Lago di Albano"; "Monte Autore"; "Via Appia Nuova"; "Osteria di Ponte Mammolo"; "Casal Morena"; "Appennino a Capracotta"; "Marino"; "Borghetto"; "Bufali"; "Villa d'Este"; "Lago di Bracciano"; "Viterbo"; "Sul Gran Sasso d'Italia", tutte conservate dalla famiglia Coleman a Roma. Il Museo di Liverpool possiede "Buoi che trascinano un pezzo di marmo". Nel 1878 fu nominato membro onorario della Società degli acquerellisti belgi e nel 1907 socio benemerito del Club Alpino Italiano. Una retrospettiva del Coleman fu aperta a Roma nello studio di Augusto Jandolo, il 15 febbraio 1936. Così ne scrisse la critica (P. Scarpa): "Vedute di caratteristici paesi della ciociaria, paesaggi assolati, animali e fiori, si succedono in una sottile armonia di colore che a volte sembra essere tessuta, tanta è la delicatezza delle gamme, da un artista giapponese, mentre poi, nel suo insieme risulta poderosa di contenuto pittorico e profonda di osservazione. La sincerità e l'italianità, tuttavia si palesano in ogni opera del Coleman, il quale certamente rimarrà fra i migliori pittori dell'Ottocento che, senza essere supini riproduttori del vero, si espressero con fedeltà ma soprattutto con sentimento verso la natura che amarono e per questo vollero che apparisse agli occhi degli osservatoti in tutta la sua bellezza affascinante, con il suo profumo avvolta da attmosfera sottile e luminosa".

da Le Biennali di Venezia - Esposizione 1895,1897 e 1901
Nato a Roma il 21 giugno 1846.
Suo padre era un valente e modesto pittore, inglese di nascita, il quale, venuto a Roma per studiarne le gallerie artistiche, s'innamorò talmente della campagna romana che pose stanza nella grande città e vi rimase fino alla morte.
Il Coleman non ebbe bisogno di inscriversi in un'Accademia; diventò pittore frequentando lo studio paterno.
«Quel poco che faccio - egli scrive argutamente - è il frutto spontaneo di ciò che credo una malattia ereditaria».
Delle sue opere ricordiamo: «Sul gran sasso» 1892 e «Centauri» 1895 esistenti nella galleria Nazionale di Roma.

Bibliografia

A.M. Comanducci - Pittori italiani dell'Ottocento - Milano 1934
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni - II ediz. Milano 1945
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni e contemporanei - III ediz. Milano 1962
L. Servolini - Dizionario illustrato incisori italiani moderni e contemporanei - Milano 1955
Thieme Becker  - Kunstlerlex - 1912
F. Sapori - Enrico Coleman - Torino 1919
L'Arte - 1901
Il Messaggero - 1936

Catalogo I Esposizione Internazionale d'arte della Città di Venezia - 1895
Catalogo II Esposizione Internazionale d'arte della Città di Venezia - 1897
Catalogo IV Esposizione Internazionale d'arte della Città di Venezia - 1901

Opere

Ruderi di un villaggio in Ciociaria 1876 - Pinacoteca Corrado Giaquinto di Bari

Veduta di Ostia - Galleria d'Arte Moderna Ricci Oddi di Piacenza


Works of Enrico Coleman



 

would you like to sell a work of Enrico Coleman?

 

would you like to buy a work of Enrico Coleman?

 

Please fill out the form below


Select the images you would like to upload and send to us

Select image n.1
Select image n.2
Select image n.3