Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Traiano Chitarin

Chitarin Traiano

Venezia 1864 / Venezia 1935

Pittore
Biografia

Frequenta per tre anni l'Accademia di Belle Arti della sua città, ma abbandona ventenne gli studi classici per darsi alla pittura. Espone per la prima volta a Venezia nel 1887, negli anni successivi è spesso presente alle Biennali e a numerose esposizioni italiane ed internazionali.
Nel 1923 gli viene assegnata una medaglia d'oro dalla Società degli Amici dell'Arte di Torino, in occasione di una sua mostra personale.
Figlio della Laguna è uno dei pochi pittori paesaggisti veneziani che dipingono fuori dal fascino lagunare, tra i luoghi a lui più cari ci sono le provincie di Belluno e di Treviso.
Le sue vedute sono di solito albe azzurre, pomeriggi grigi, o crepuscoli nebbiosi con sognanti sfumature soffuse ma concepite con uno schietto realismo.
Non pochi elementi paesistici e tecnici del suo primo periodo richiamano la nitidezza di Guglielmo Ciardi, e la pittura di Bartolomeo Bezzi, non va trascurata l'amicizia che lo lega a Filippo Carcano, e a Vittore Grubicy De Dragon.
Benestante di famiglia, non è costretto a guadagnare con la pittura, e il suo carattere modesto gli permette di lavorare solo per il piacere di fare arte ma con il tormento e l'inquietudine di chi è spinto ad una ricerca senza tregua di mezzi per esprimersi, e di fonti d'ispirazione.
La Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma conserva la sua opera Autunno, del 1909.

da A. M. Comanducci ediz 1962

Nato a Venezia nel 1864 morto quivi il 4 aprile 1935.
Frequentò per tre anni l'Accademia di Belle Arti della sua città e vi espose per la prima volta nel 1887 alla Biennale, dove in seguito è stato sempre presente e per due volte in qualità di membro della giuria.
Ha esposto pure alle altre principali mostre italiane e a parecchie straniere.
Nel 1923 gli venne assegnata una medaglia d'oro dalla Società degli Amici dell'Arte di Torino, in occasione di una sua mostra personale.
Alcune sue opere più espressive: "Mattino brumale" e "Malinconia", attualmente nella Galleria d'Arte Moderna di Venezia; "Luci vespertine", nella Galleria d'Arte di Santiago del Cile; "Autunno", nella Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma; "Il giorno declina"; nella Galleria d'Arte di Buenos Aires; "Fuochi del vespro", nella Galleria di Stato di Leningrado; "Il parco sotto la neve", nella Galleria di Lima nel Perù; "Sera d'estate", nel Castello Sforzesco a Milano; "Nel Bosco" e "Notte a Venezia", esposte a Palermo nel 1892; "Bosco sotto la neve" e "Torrente", a Milano nel 1894; "Prima neve", a Torino nel 1898; "Nella palude", a Leningrado nel 1898.
Le sue visioni paesistiche sono di preferenza albe azzurre o grigi meriggi, vedute di canali dalle acque tranquille o crepuscoli nebbiosi con sfumature soffuse di sogno, nonostante la loro piena evidenza e lo schietto realismo con cui furono concepite.





 

Bibliografia

A.M. Comanducci - Pittori italiani dell'Ottocento - Milano 1934
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni - II ediz. Milano 1945
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni e contemporanei - III ediz. Milano 1962
Thieme Becker  - Kunstlerlex - 1912
Roma Letteraria - 1901
L'Arte - 1909
Emporium - 1910


Opere dell'autore Traiano Chitarin



 

Vuoi vendere un'opera di Traiano Chitarin?

 

Vuoi comprare un'opera di Traiano Chitarin?

 

utilizza l'apposito modulo di contatto qui sotto


Puoi caricare delle immagini da allegare al messaggio:

Seleziona immagine n.1
Seleziona immagine n.2
Seleziona immagine n.3