Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Giuseppe Carozzi

Carozzi Giuseppe

Milano 1864 / Montecarlo, Principato di Monaco 1938

Painter
Biografia

da A. M. Comanducci ediz 1962
Nato a Milano il 29 giugno 1864, morto a Montecarlo nel febbraio 1938. Paesista di essenza nobile e sottile, di tecnica individuale e originale. Studiò giurisprudenza all'Università di Bologna, ma contemporaneamente fu iniziato all'arte da Riccardo Pasquini. In seguito, quantunque laureato, si dedicò alla pittura, consigliato e istruito da Filippo Carcano. Vinse il premio Fumagalli nel 1883, con "Baruffe chioggiotte". Partecipò alle mostre di Venezia, Roma, Milano, Torino, Monaco di Baviera, Berlino, Leningrado, Copenaghen e Buenos Aires. A Monaco di Baviera tenne una esposizione personale, e un'altra a Venezia. Al Museo del Lussemburgo di Parigi si trova "L'incantatore (Cervino)"; al Museo de Beaux Arts di Bruxelles uno studio del "Commiato del sole", mentre il quadro, che fu premiato a Monaco di Baviera nel 1909 con medaglia d'oro, è attualmente nella raccolta dell'ex ministro Andrassy. Altre sue opere: "Fonte purissima", nella Galleria d'Arte Moderna di Roma, "La catena del Miscabel" nel Museo Capitolino di Roma; "Nella valle della fede" e "Armonie del crepuscolo d'inverno" entrambi acquistate dalla regina Margherita. "Notre Dame des Neiges (Zermatt)", esposta a Venezia nel 1912, fu acquistata dal Re. In quell'anno la Biennale Veneziana gli ospitò in una sala apposita 22 Opere.
 


da Le Biennali di Venezia - Esposizione 1895 e 1897

Valente paesista nato nel 1864 a Milano. Fu scolaro di Antonio Fontanesi, di  Filippo Carcano e di Augusto Sezanne.
In molte delle sue tele riprodusse con una nota spiccatamente individuale l'ambiente chioggiotto.
Ricordiamo «Una baruffa a Chioggia» e «Calle di Chioggia» quest'ultima acquistata per la Galleria Nazionale.
A Torino nel 1898 «L'ora di notte: traghetto a Sottomarina».

da Le Biennali di Venezia - Esposizione 1912
di Vittorio Pica
Mostra individuale (1912)
La carriera di Giuseppe Carozzi si è svolta, durante gli ultimi cinque lustri, per tappe misurate ma ininterrottamente progressive mercè il calcolato, severo e diretto studio del vero ed una ricerca tecnica sempre più accurata, scrupolosa e raffinata nell'ingegnosa applicazione del complimentarismo cromatico, rendendo degno il valente e coscienzioso artista milanese di venire additato come uno dei più sicuri, più coscienziosi e più personali rappresentanti odierni di quella lombarda pittura di paesaggio che possiede così nobili e gloriose tradizioni.
Per quanto piacevoli all'occhio riescano, per grazia accorta di composizione, per luminosa vivacità di tavolozza, le tele suggeritegli, varii anni fa, dai ridenti aspetti di Sottomarina e di Chioggia, è però alla campagna francese del Delfinato e sopra tutto all'Alta Montagna italiana e svizzera, osservate con occhio acuto e con anima di poeta, che il Carozzi deve l'ispirazione dei suoi quadri più caratteristici e significativi.
A forza di ferrea e chiaroveggente pertinacia e di fervido entusiasmo estetico, due doti dello spirito che tanto guadagnano a trovarsi accoppiate, egli ha saputo emanciparsi da ogni troppo immediata influenza di Filippo Carcano, Giovanni Segantini o Antonio Fontanesi, i quali sono stati volta a volta i suoi maestri prediletti, e ciò pure riuscendo ad assimilare più d'una delle loro preziose qualità di visione e di fattura, in modo che non è raro ritrovare in una sua tela la poderosa solidità costruttiva del primo unita alla delicata sapienza evocativa delle trasparenze atmosferiche e dei fulgori luminosi delle sommità alpestri in cui eccelse il secondo ed a quell'intensificatrice e trasfiguratrice glorificazione della realtà che al terzo merito a buon diritto il titolo di pittore-poeta.

Bibliografia

A.M. Comanducci - Pittori italiani dell'Ottocento - Milano 1934
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni - II ediz. Milano 1945
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni e contemporanei - III ediz. Milano 1962

L. Callari - Storia dell'arte contemporanea italiana - Roma 1909

V. Pica - L'arte mondiale all'Esposizione internazionale di Venezia - 1905   1907

Thieme Becker  - Kunstlerlex - 1912

L'Arte - 1909

Vita d'arte - 1910

 

Catalogo I Esposizione Internazionale d'arte della Città di Venezia - 1895

Catalogo II Esposizione Internazionale d'arte della Città di Venezia - 1897
Catalogo X Esposizione Internazionale d'arte della Città di Venezia - 1912

Opere

Tramonto nel Delfinato - Galleria d'Arte Moderna Ricci Oddi di Piacenza

Tramonto in Engadina - Galleria d'Arte Moderna Ricci Oddi di Piacenza


Works of Giuseppe Carozzi



 

would you like to sell a work of Giuseppe Carozzi?

 

would you like to buy a work of Giuseppe Carozzi?

 

Please fill out the form below


Select the images you would like to upload and send to us

Select image n.1
Select image n.2
Select image n.3