Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Augusto Sezanne

Sezanne Augusto

Firenze 1856 / Venezia 1935

Painter, Potter, Architect, Designer, Decorator, Graphics designer
Biografia

da A. M. Comanducci
Nato a Firenze il 31 agosto 1856; morto a Venezia il 6 maggio 1935.
Era bolognese di elezione, perchè a Bologna formò la sua educazione artistica, dedicandosi prima al paesaggio, poi alla decorazione.
Esordì a Torino col quadro "Requiem"; poi espose a Milano, nel 1881, "Una giornata di dicembre"; a Firenze, nel 1883, "Aprile"; a Roma, nello stesso anno: "Tempo triste"; "Sotto i faggi" e "Armonie primaverili"; a Torino, nel 1884, "Meriggio stanco"; nello stesso anno, all'Esposizione di Belle Arti di Firenze, "Palude"; a Milano, nel 1886, "Tepori primaverili"; a Venezia, all'Esposizione Nazionale Artistica del 1887, "Sole d'inverno" e "Tristezza invernale".
Nello stesso anno pubblicò a Parigi, editore il Rotschild, una serie di composizioni sull'"Acqua", con prefazione di Alfonso Daudet.
Nel 1892 e per un lungo periodo di anni insegnò nell'Istituto di Belle Arti di Venezia, volgendo la sua attività a riprodurre e a glorificare la Laguna e i monumenti della Città.
Buon decoratore e pittore di fiori, suggestivo ed elegante, ha eseguito nella cappella Stucky del Cimitero di Venezia un colossale mosaico, "Il viaggio della vita"; ha decorato, architettato e affrescato edifici pubblici e privati: fra gli altri, degna di nota l'ornamentazione della sala del Consiglio cittadino di Rovereto, e la casa bolognese detta "Canton dei fiori", da lui ideata e ornata.
In occasione della inaugurazione del nuovo campanile di San Marco, disegnò un francobollo commemorativo che incontrò successo.
Ha pure disegnato alcuni cartelli dell'Internazionale Veneziana.
A quest'ultima manifestazione d'arte partecipò dal 1901: in quell'anno espose "Il Rio di Donna onesta"; nel 1903, un cartone per la detta cappella Stucky e tre acqueforti: "Il Rio delle Convertite"; "Casa piccola, silenzio grande" e "Mistero del bosco"; nel 1905, "La Madonna del mare" e "Vecchie visioni"; nel 1907, "La Madonna della neve"; nel 1909, "La buona parola", nel 1912, in mostra individuale, dodici "Visioni della Basilica d'oro", fra le quali notata "L'ora della Messa"; nel 1914, altre tre "Visioni"; nel 1920: "Garofani verdi"; "Garofani rosa"; e tre tempere: "Anima ribelle"; "Finestra veneziana" e "Vaporetto sul Canal Grande"; nel 1922: "La Madonna della Laguna"; "Rose"; "Il Canal Grande in festa" (tempera) e quattro acquarelli di soggetto romano; nel 1924: "Peonie"; "Rose"; "Tacchini"; "Riposo"; "Darling"; "Cavallo morto"; nel 1926, "Peonie", nel 1928: "La tradita" e "Piccioni di San Marco"; nel 1930, "I protetti di San Marco"; nel 1932, due disegni: "Meditazione" e "Fido" (testa di cane).
Suoi dipinti sono in importanti pubbliche Gallerie: in quella d'Arte Moderna di Milano sono collocati: "Un mattino dopo l'incursione aerea a Venezia" e "Una giornata di dicembre"; in quella della Capitale, "All'altare della Madonna".
Alla Mostra dei Quarant'anni della Biennale Veneziana (1935) figuravano undici opere.


da Le Biennali di Venezia - Esposizione 1895, 1897 e 1901
Pittore, decoratore, architetto, nato a Firenze nel 1856.
I suoi quadri principali sono «Autunnalia» (1884) «Tristezza invernale» (1887) «Sole d'inverno» (1888), «Armonie d'estate» (1889).
Pubblicò a Parigi editore il Rotschild, la sua splendida raccolta di disegni allegorici sull'Acqua.
Di lui, come architetto e decoratore, ricorderemo la casa detta il "Canton dei fiori "a Bologna, l'ornamentazione murale e la suppellettile della Sala del Consiglio cittadino di Rovereto, entrambi nello stile del secolo XV.
È professore d'ornato nell'Istituto di Belle Arti a Venezia.
Sono tutti suoi i Manifesti della nostra esposizione. (1901)


da Le Biennali di Venezia - Esposizione 1912
Mostra individuale 
Augusto Sezanne, benchè nato a Firenze, e bolognese di elezione poiché a Bologna formò la sua educazione artistica dedicandosi prima al paesaggio e poi facendo parte di quella riunione d'artisti, diretta da Alfonso Rubbiani, che operano rivolti alla natura ed alla tradizione.
Illustrò la campagna e gli animali in moltissimi quadri e disegni a penna resi popolari dagli editori Treves e Ricordi.
Nel 1887 pubblicò a Parigi una serie di composizioni sull'«Acqua», con prefazione di Alphonse Daudet, dedicata a S. M. la Regina Margherita.
Molti suoi quadri furono acquistati dal Re Umberto e dallo Zar di Russia.
Dal 1892 insegna decorazione all'Istituto di Belle Arti di Venezia e da allora la sua attività si rivolse a riprodurre la laguna ed i monumenti di Venezia, con visioni tutte sue personali.
Compose quasi tutti i manifesti delle Esposizioni Veneziane.
Decorò la Cappella Stucky con un colossale mosaico «La glorificazione della Morte ».
Architettò ed affresco edifici pubblici e privati.
Immaginò e diresse tutta la decorazione della Sezione Italiana alla Mostra di Bruxelles 1910.
La Giuria Internazionale ed il Governo Belga gli conferirono alte onorificenze.



Alfonso Rubbiani (bio)


Works of Augusto Sezanne



 

would you like to sell a work of Augusto Sezanne?

 

would you like to buy a work of Augusto Sezanne?

 

Please fill out the form below


Select the images you would like to upload and send to us

Select image n.1
Select image n.2
Select image n.3