Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Works of this author


Giuseppe Diotti

Diotti Giuseppe

Casalmaggiore - Cremona 1779 / Bergamo 1846

Painter, Decorator
Biografia

da A.M. Comanducci ediz 1962

Nato a Casalmaggiore il 21 marzo 1779, morto a Bergamo il 30 gennaio 1846. Più che allievo fu fattorino del suo concittadino Paolo Araldi; poi, sovvenzionato dal nobile Gian Vincenzo Ponzoni, potè frequentare l'Accademia di Parma. Mancatogli, per vicende politiche, l'appoggio del Ponzoni, lasciò l'Accademia e si adattò a dipingere insegne di negozi, decorazioni e ritratti. Istituito a Milano, nel 1804, un pensionato quadriennale per Roma, vi partecipò, eseguendo, come tema di concorso, "Il centauro Nesso trafitto da Ercole". Assegnatogli il pensionato, da Roma inviò ogni anno i saggi all'Accademia di Brera, dimostrando la sua rapida e continua ascesa e conseguendo con l'ultimo, "La adorazione dei pastori", una medaglia d'oro del Governo. Nel 1810 fu a Milano, e venne prescelto da Andrea Appiani per copiare il "Ritratto di Napoleone" richiesto dalla Corte Vicereale, e l'anno seguente, istituita la Accademia Carrara a Bergamo, fu chiamato ad insegnarvi e a dirigerla. Ricoprì tale carica con scrupoloso amore per trentatré anni. Artista fecondissimo, le sue opere si trovano sparse in molte raccolte private e nelle chiese della Brianza, del Bergamasco e del Cremasco, e in pubbliche gallerie. A Cremona vi sono suoi importanti affreschi: "Ascensione di Cristo", "Incredulità di San Tommaso", "Benedizione dei fanciulli" e "Le chiavi date a San Pietro" nel Duomo; "Amore e Psiche", "Olimpo", "Danza delle stagioni", "Ulisse nella reggia di Alcinoo" nel palazzo Bolzesi Mina, "Eolo che scatena i venti" nel palazzo Manna; nella chiesa maggiore di Soresina "Il tabì riposto da San Pietro". Sua nota opera di cavalletto: "La congiura di Pontida" nella Galleria d'Arte Moderna di Milano (il bozzetto della quale è nel palazzo comunale di Casalmaggiore, dove è conservata la copia dell' "Autoritratto", il cui originale è a Firenze, a Palazzo Pitti). A Casalmaggiore esistono pure sue opere, nel Duomo un "Santo Stefano"; presso la famiglia Ponzoni "Mosè nel deserto", e nell'ex palazzo Favagrossa "La toletta di Venere". Nella Galleria Tosio di Brescia è "Il conte Ugolino nella torre di Pisa", opera interessante perchè vi sono ritratti gli allievi del Diotti, che li prese a modelli; fra gli altri Giacomo Trecourt, il Piccio e Enrico Scuri.

Bibliografia

A.M. Comanducci - Pittori italiani dell'Ottocento - Milano 1934
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni - II ediz. Milano 1945
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni e contemporanei - III ediz. Milano 1962

A. Salvioni - Memorie di Giuseppe Diotti e delle sue dipinture - Bergamo 1846

G. Germani - Della vita artistica di Giuseppe Diotti - 1865

Thieme Becker  - Kunstlerlex - 1913

 



 

would you like to sell a work of Giuseppe Diotti?

 

would you like to buy a work of Giuseppe Diotti?

 

Please fill out the form below

 


Select the images you would like to upload and send to us

Select image n.1
Select image n.2
Select image n.3