Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Opere di questo autore


Sebastiano De Albertis

De Albertis Sebastiano

Milano 1828 / Milano 1897

Pittore, Incisore
Biografia

da A.M. Comanducci ediz 1962

Nato a Milano il 14 gennaio 1828, mortovi il 29 novembre 1897. Discepolo di Domenico Induno all'Accademia di Brera, non subì in modo preponderante la di lui influenza. Studiò i maestri francesi, come è dimostrato da certe raffinatezze e da talune luminosità dei suoi paesaggi. Fu con Garibaldi alle campagne del 1859, 1860, 1866, e da allora abbandonò la pittura storica, alla quale si era in un primo tempo dedicato, per darsi interamente ai quadri di soggetto militare e ippico. I suoi studi sono sempre interessanti, le sue composizioni briose e vivaci sebbene in essi si abbia alcune volte a rilevare qualche scorrettezza di disegno. Appartiene, con Michele Cammarano e Giovanni Fattori, alla esigua schiera dei pittori che trassero ispirazione dalle guerre nazionali. Opere principali: "Cavallo abbandonato"; "L'alloggio militare"; "L'aratro"; "I due cugini"; "Masaniello" (nome di un cavallo), esposte a Milano nel 1872; "Garibaldi nei Vosgi", esposta a Napoli nel 1877, "Carica dei carabinieri a Pastrengo" quadro che suscitò un vero entusiasmo all'Esposizione di Torino del 1880; "La signora si fa aspettare"; "Agli avamposti", "Troppa confidenza", dove la tecnica appare migliorata esposte a Venezia nel 1881; "Il generale Medici il 9 gennaio 1878" e "Dopo il lavoro", esposte a Milano nello stesso anno; "Il cavallo prediletto", esposta a Milano nel 1883; "Vecchi carabinieri del 1848" e "Scoppio di una granata" esposte a Roma nello stesso anno; "La resa del forte d'Ampola nel Trentino", esposta a Firenze nel 1885 e a Milano nel 1886 "L'artiglieria della terza divisione a San Martino", esposta a Venezia nel 1887; "Carica di cavalleggeri Monferrato a Montebello", conservata nella Galleria d'Arte Moderna di Roma; "Ritratto a reminiscenza", "Il parco", nel Museo di Trieste; "Ferruccio ucciso da Maramaldo"; "Fratelli nel dolore". Nella Galleria d'Arte Moderna di Milano vi sono 36 sue opere, fra le quali "Il quadrato di Villafranca" (bozzetto); "La partenza dei volontari del 1859" ed "Episodio della guerra del 1859" (acquarello); poi altri quadretti ad olio e all'acquarello, riproducenti assalti di artiglierie, corse di cavalli e assalti di dragoni. La quadreria della Società Artisti e Patriottica, pure di Milano, conserva alcun ritratti a carboncino: "Archimede Sacchi", "M. Grassi", "Giuseppe Modorati". Il De Albertis fu professore onorario dell'Accademia di Brera.

Bibliografia

A.M. Comanducci - Pittori italiani dell'Ottocento - Milano 1934
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni - II ediz. Milano 1945
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni e contemporanei - III ediz. Milano 1962
L. Servolini - Dizionario illustrato incisori italiani moderni e contemporanei - Milano 1955

G. Ceci - Bibliografia per la storia delle arti figurative nell'Italia meridionale - Napoli 1937

L. Callari - Storia dell'arte contemporanea italiana

Opere

Cavalli in fuga - Galleria d'Arte Moderna Ricci Oddi di Piacenza



 

Vuoi vendere un'opera di Sebastiano De Albertis?

 

Vuoi comprare un'opera di Sebastiano De Albertis?

 

utilizza l'apposito modulo di contatto qui sotto


Puoi caricare delle immagini da allegare al messaggio:

Seleziona immagine n.1
Seleziona immagine n.2
Seleziona immagine n.3