Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Opere di questo autore


Raffaele Casnedi

Casnedi Raffaele

Runo, Dumenza - Varese 1822 / Milano 1892

Pittore, Decoratore
Biografia

da A.M. Comanducci ediz 1962

Nato a Runo (Varese) il 26 settembre 1822, morto a Milano il 29 dicembre 1892. Destinato dal padre alla professione dell'albergatore, riuscì ad iscriversi all'Accademia di Milano, dove rimase, si può dire per tutta la vita: come scolaro dal 1840 al 1850 e come insegnante dal 1860 in poi. Studiò e lavorò durante il tempo in cui si manifestò, per opera dei «macchiaiuoli», quel rinnovamento nella pittura che portò alla caduta della scuola neoclassica e romantica. Il Casnedi non seguì questo movimento. Fu un grande pittore; ma rimase accademico benché vivesse con compagni d'arte quali Filippo Palizzi, Telemaco Signorini, Antonio Fontanesi e Tranquillo Cremona e ne vedesse le opere. Si dedicò poco alla pittura di cavalletto, preferendo l'affresco e scegliendo soggetti nel campo della religione, che fu sempre viva nel suo cuore. Cosicché nei suoi affreschi questo sentimento religioso, che gli guidava la mano, si è tradotto in altrettanta spontaneità e profondità di ispirazione, in naturalezza e in suggestione di atteggiamenti, in armonia e verità storica, pregi che bastano a fargli perdonare una minor valentia di colore. Tra le sue migliori opere si ricordano: la decorazione del salone reale della abbattuta Stazione centrale, la lunetta della Galleria Vittorio Emanuele; il sipario del teatro alla Scala in Milano; "La benedizione dei fanciulli"; e "Mosè scende dal Sinai" a Valmadrera; tutti gli affreschi della chiesa di Besana; "Il prigioniero di Chillon", che esposta nel 1885 alla Mostra di Belle Arti di Brera, ottenne dalla critica di allora un grande plauso. Altri suoi lavori: affreschi nella chiesa di Rho, di San Pietro in Novara, di San Biagio in Palombara; "Le contadine lombarde che stanno lavando al lago" e "Donne della campagna romana", che furono esposti alla I Mostra di Firenze del 1861. Altri quadri di genere: "Ciociara"; "L'erbivendola"; "L'acquaiola"; "Visita alla balia"; "L'obolo della vedova". Quadri ad olio ed acquarelli di lui sono dispersi un po' per tutta Italia e all'estero, conservati in raccolte di privati e alcuni in pinacoteche. Partecipò a pochissime esposizioni perché le cure dell'insegnamento non gliene lasciarono il tempo.

Bibliografia

A.M. Comanducci - Pittori italiani dell'Ottocento - Milano 1934
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni - II ediz. Milano 1945
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni e contemporanei - III ediz. Milano 1962

A De Gubernatis - Dizionario artisti italiani viventi - 1889

Thieme Becker  - Kunstlerlex - 1912

Mongeri - L'Arte in Milano - 1872

Natura ed Arte - 1892/93

Illustrazione Italiana - 1893

 



 

Vuoi vendere un'opera di Raffaele Casnedi?

 

Vuoi comprare un'opera di Raffaele Casnedi?

 

utilizza l'apposito modulo di contatto qui sotto


Puoi caricare delle immagini da allegare al messaggio:

Seleziona immagine n.1
Seleziona immagine n.2
Seleziona immagine n.3