Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Silvio Giulio Rotta

Rotta Silvio Giulio

Venezia 1853 / Venezia 1913

Painter
Biografia

da A. M. Comanducci
Nato a Venezia il 15 agosto 1853, morto nella stessa città il 7 giugno 1913.
Ebbe a maestro il padre Antonio Rotta, poi, nel 1873, si recò a Parigi per studiarvi i pittori allora in voga.
Dapprima eseguì quadri di genere, sereni ed ariosi, dei quali si citano: "Campiello"; "La raccolta delle cipolle"; "Sulla spiaggia del Lido"; "In vigna"; "In villa"; "Sùghime" e "Colpo di vento"; poi si volse alla contemplazione degli spettacoli più desolati dell'umana miseria, con quadri che si imposero all'attenzione del pubblico, come "I forzati", ritenuto il suo capolavoro, esposto nel 1887 a Budapest, premiato con la grande medaglia d'oro ed acquistato per il Museo di quella città; "Nosocomio", esposto a Roma nel 1895 e conservato nella Galleria d'Arte Moderna della Capitale; "Mura abbandonate", esposto alla Biennale Veneziana del 1899; "Carità", presentatovi a quella del 1905; "Nelle tenebre" (trittico), ultimo dipinto dell'infelice artista, apparso nel 1912 alla Internazionale di Venezia; "Gli spettri", conservato nella Galleria d'Arte di Buenos Aires.
Il bozzetto de' "I forzati" è conservato nella raccolta del signor Gustavo Botta di Milano.
Si citano del Rotta anche: "Primi passi", esposto a Venezia nel 1932, per la retrospettiva «Trent'anni di vita veneziana», con "Sulla spiaggia del Lido" già nominato: entrambi proprietà della signora Jole Graziani Rotta di Venezia; "Educazione del fanciullo", nel Museo di Colonia.


da Le Biennali di Venezia - Esposizione 1895
Figlio di Antonio Rotta, il valente e popolare pittore di genere, nato nel 1853 a Venezia.
Frequentò l'Accademia di belle arti, ma non ne segui regolarmente gli studi e a vent'anni si recò e trattenne per qualche tempo a Parigi.
Dapprincipio si diede all'acquarello, rappresentando volentieri scene e costumi della sua città.
Negli ultimi anni l'arte del Rotta ha assunto un'impronta originale ed elevata.
Il suo quadro «I forzati», che è oggi nel Museo di Buda-Pest, colpì nel 1887 per la fosca intensità dell'espressione; «Mura abbandonate», ardita rappresentazione pittorica d'una fuga di larve, fu tra le opere più notate nella recentissima Esposizione di Milano, anche per l'affinità del soggetto con certi nuovi o rinnovati avviamenti delle fantasie.




Antonio Rotta (bio)


Works of Silvio Giulio Rotta



 

would you like to sell a work of Silvio Giulio Rotta?

 

would you like to buy a work of Silvio Giulio Rotta?

 

Please fill out the form below


Select the images you would like to upload and send to us

Select image n.1
Select image n.2
Select image n.3