Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Alfredo Protti

Protti Alfredo

Bologna 1882 / Bologna 1949

Painter
Biografia

Nel 1909 partecipa alla VIII edizione della Esposizione Internazionale Biennale d'Arte della Città di Venezia esponendovi "Fioretta" ed è ancora presente alla IX edizione del 1910 con "Il piumino" e "Interno", alla X del 1912 con "Fiorina sola", "Aurora" e "Sonnellino", alla XI del 1914 con "La nonna giovane", "L'afa" e "Riflessi rossi", alla XII del 1920 con "Fiori di seta", "Gisella" e "Allo specchio", alla XIII del 1922 con "Vanità" e "Alla toilette", alla XV del 1926 con "Sogni". Nel 1911 partecipa alla Esposizione Internazionale di Belle Arti di Roma con i dipinti "Modella" e "Il palloncino" e sempre a Roma è presente alle quattro edizioni della Esposizione Internazionale d'Arte della Secessione dal 1913 al 1916.
 
da A. M. Comanducci
Nato a Bologna il 26 aprile 1882.
Fu allievo di Domenico Ferri nell'Accademia della sua città, e si dedica specialmente al quadro di genere nel quale ama in particolar modo ritrarre l'intimità femminile.
Esordì nel 1906, a Bologna, e da allora espose alle principali Mostre italiane, ottenendo premiazioni alle «Francesco Francia» di Bologna e vincendo nella città stessa, per tre volte il concorso Curlandese.
Nel 1909 inviò alla Biennale Veneziana "Fioretta"; nel 1910: "Il piumino" e "Interno"; nel 1911, alla Esposizione tenutasi in Roma in occasione del Cinquantenario, presentò "Il palloncino" e "Modella"; l'anno dopo, alla Biennale Veneziana, figurò con: "Aurora"; "Sonnellino" e "Fiorina sola" alla seguente Biennale, con "La nonna giovane"; "L'afa e riflessi, rossi".
Dopo la prima guerra europea partecipò alla Internazionale di Venezia del 1920 con: "Fiori di seta"; "Allo specchio" e "Gisella"; del 1922 con: "La toilette" e "Vanità".
Alcuni dei quadri suddetti e: "Effetti di sera"; "Puntura"; "La prima posa"; "La limonata"; "Lo strappo"; "Fanciullo che si veste"; "Gatto che dorme" e "Riflesso" presentò nello stesso anno alla Primaverile Fiorentina.
Ancora "Lo strappo", con "Prima del ballo", figurò alla successiva Biennale Veneziana, e nel 1926 ve lo rappresentò il quadro "Sogni".
L'anno dopo, all'ottantesima Esposizione Nazionale tenutasi a Firenze in Palazzo Pitti, il Protti inviò: "Toni dorati"; "Natura morta" e il nominato "Fiori di seta".
Egli prese parte alle Quadriennali torinesi del dopoguerra: nel 1919 col citato "Allo specchio" e con "In penombra"; nel 1923 col detto "Effetti di sera" e con "Nudo femminile"; nel 1927 con: "L'attesa" e "Un pensiero".
Espose anche all'estero: a Monaco, Buenos Aires, San Francisco, Pittsburg, Barcellona.
Suoi quadri furono acquistati per la Quadreria Reale e per la Galleria d'Arte Moderna di Roma; altri sono in collezioni private in Italia e all'estero.
Si citano ancora i suoi dipinti: "Ritratto" e "Maschietta", quest'ultimo proprietà dell'avv. Camillo Giussani di Milano.

 
La Pinacoteca Corrado Giaquinto di Bari conserva il suo dipinto "In attesa".

Il suo dipinto "Il primo strappo" è conservato presso la Galleria d'Arte Moderna Ricci Oddi di Piacenza.



Domenico Ferri (bio)


Works of Alfredo Protti



 

would you like to sell a work of Alfredo Protti?

 

would you like to buy a work of Alfredo Protti?

 

Please fill out the form below


Select the images you would like to upload and send to us

Select image n.1
Select image n.2
Select image n.3