Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Domenico Ferri

Ferri Domenico

Castel di Lama - Ascoli Piceno 1857 / Bologna 1940

Painter, Decorator
Biografia

da A.M. Comanducci ediz 1962

Nato a Castel di Lama (Ascoli Piceno) il 25 aprile 1857. Studiò a Firenze e poi all'Istituto di Belle Arti in Napoli, con Domenico Morelli. "Paganini del villaggio" (ora nella Civica Pinacoteca di Ascoli) fu l'opera con la quale volle affrontare nel 1887 il giudizio del pubblico veneziano e per la quale ottenne il premio all'Esposizione di Belle Arti di Roma nel 1890. Subito dopo, "Il mago" e "Vittime del mare", furono esposte a Venezia. Nella Cripta del Duomo di Ascoli eseguì un trittico rappresentante "Sant'Emidio e i suoi compagni di martirio". Oltre al quadro ad olio dipinse pure a fresco. Suo è il soffitto della Sala del Consiglio Comunale di Ascoli con la raffigurazione allegorica dello "Scoppio della guerra sociale contro Roma". Nel 1887 decorò il teatro di Montelupone di Macerata e più tardi la chiesa della Madonna degli Angeli nella sua Castel di Lama. Nel 1906 eseguì a Spello un grandioso affresco nella Collegiata di San Lorenzo, rappresentante "San Bernardino da Siena che dona al popolo di Spello l'Icona della Madonna". Si dedicò anche al ritratto; ricordiamo quello del "Dottor Cesare Bellati"; di "Amalia Silvestri"; del "Gr. Uff. Giovanni Tranquilli"; del "Senatore Marco Sgariglia"; del "Conte Procolo Isolani Lupari"; dell'"avv. Enrico Silvani". Partecipò a esposizione italiane, con opere fra le quali si ricordano: "Ritorno dalla pesca", esposta a Firenze nel 1901; "Farfalle bianche", pure a Firenze nel 1908; "Ritratto della figlia", e "La madre", alla Biennale Veneziana; "Brumaio"; "Marina", esposta nel 1919 alla Mostra Ascolana. Nominato, sin dal 1905, professore ordinario di figura dell'Accademia di Belle Arti di Bologna, dovette abbandonare l'insegnamento nel 1916, perchè colpito da paralisi. Nel 1924 i suoi discepoli ed ammiratori raccolsero a Bologna, in una mostra personale, quasi tutte le sue opere di cavalletto. La famiglia del pittore conserva "Il nudo" e "Saltarello".

Bibliografia

A.M. Comanducci - Pittori italiani dell'Ottocento - Milano 1934
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni - II ediz. Milano 1945
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni e contemporanei - III ediz. Milano 1962

A De Gubernatis - Dizionario artisti italiani viventi - 1889

Thieme Becker  - Kunstlerlex - 1915

Archivio storico dell'arte - 1891

Rivista marchigiana illustrata - 1906


Works of Domenico Ferri



 

would you like to sell a work of Domenico Ferri?

 

would you like to buy a work of Domenico Ferri?

 

Please fill out the form below


Select the images you would like to upload and send to us

Select image n.1
Select image n.2
Select image n.3