Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Pietro Paoletti

Paoletti Pietro

Belluno 1801 / Belluno 1847

Painter, Engraver, Decorator
Biografia

da A.M. Comanducci

Nato a Belluno il 24 settembre 1801, mortovi il 23 ottobre 1847. Allievo di Giovanni Demin, fu miglior colorista che disegnatore, e nelle sue numerose opere ad olio e a fresco si riscontrano le caratteristiche della Scuola veneta fuse con quelle della romana. Nell'affresco fu imitatore del Domenichino. Visse lungamente a Roma, alla corte del papa Gregorio XVI, e decorò di sue opere, ad olio, a fresco e a tempera, vari palazzi romani fra i quali quello dei principi Torlonia. Vari dipinti eseguì presso famiglie private di Napoli e Rieti, nelle Cattedrali di queste città e nei palazzi dei conti Vincenti e Crispolti. Col cardinale Zurla, suo amico e ammiratore, compì un viaggio archeologico e artistico in Sicilia. Espose: a Venezia, nel 1838, "Mosè fa scaturire le acque per dissetare il popolo ebreo" (disegno a penna); nel 1840, "I primogeniti dell'Egitto" e "Santa Caterina della Ruota"; a Milano, nel 1842, "Il Tasso fuggiasco visita la sorella a Sorrento"; "Maria Stuarda si congeda dagli amici per avviarsi al patibolo"; "Il passaggio del Mar Rosso" (disegno a penna), ed "Episodio dell'inondazione del Po nel 1839"; a Venezia, nello stesso anno, "Alfonso I di Ferrara ordina al Tiziano di dar compimento all'ultimo lavoro del Bellini"; nel 1843, a Trieste, il suddetto quadro; nel 1844, a Milano, "Il trionfo di Mardocheo"; "Ritratto del pontefice Gregorio XVI" e "Morte di Imelda Lambertazzi e di Bonifacio de' Geremei"; a Venezia, nel 1846, "Donna al bagno". Altre opere: "I deputati della città di Belluno presentano omaggio a Gregorio XVI", nella sala maggiore del Seminario Gregoriano di Belluno; "Il Beato Enrico", conservata nel tempietto dedicato al Beato stesso in Padova; "Ritratto di Gregorio XVI" conservato nel Palazzo Municipale di Belluno; "Dante incontra il fiore dei poeti latini", nel Museo Civico di Padova; "Laura esce dal bagno", pure in quel Museo civico; "Il conte Ugolino"; "La burrasca"; "Ritratto di Giovanni Antonio De Manzoni". Fra i suoi affreschi si ricordano: "Gli Dei dell'Olimpo", nel palazzo dei conti Ercole di Thiene; "Le feste di Diana", nel Casino Pedrocchi di Padova; "San Benedetto"; "Italiade"; "Idilli" in casa del cav. Angelo Ricci; "Prometeo", nel palazzo del comm. conte Andrea Cittadella Vigodarzere (Padova); "Esopo Logopèo", nel palazzo del nob. G. De Manzoni; "Le principali feste della Vergine", in sei quadri a fresco nella Cattedrale di Rieti; "La Santissima Trinità, Fede, Speranza, Carità", nella Cappella del Sacramento, pure della Cattedrale di Rieti; "Il Battesimo di Cristo"; "Le quattro Virtù" e "La morte di San Benedetto", nella Basilica di Montecassino. E ancora: "Ritratto del pittore Demin"; "Erminia fra i pastori".


Works of Pietro Paoletti



 

would you like to sell a work of Pietro Paoletti?

 

would you like to buy a work of Pietro Paoletti?

 

Please fill out the form below


Select the images you would like to upload and send to us

Select image n.1
Select image n.2
Select image n.3