Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Ferdinando Folchi

Folchi Ferdinando

Firenze 1822 / Firenze 1893

Painter, Decorator
Biografia

da A.M. Comanducci

Nato a Firenze nel 1822, morto a Firenze nel 1893. Fu discepolo di Pietro Benvenuti, di Luigi Sabatelli e di Giuseppe Bezzuoli. Dipinse con buon colorito quadri di soggetto religioso, e trattò pure il genere storico. Fra le sue numerose opere sono da ricordare: "Cenacolo", affresco per il refettorio nel convento di Santa Detole; "La Vergine del Rosario" e i "Santi Domenico e Caterina", per le monache domenicane alla Pietra; "L'Adorazione dei Magi" e due altre tele per il Collegio Serafico presso Prato; "Transito di San Giuseppe", pala d'altare per la chiesa del Crocefisso di Borgo San Lorenzo; "La Deposizione dalla Croce", nella chiesa di Sant'Annunziata in Firenze; sette quadri per il convento del Calvario presso Pistoia; "Concezione" e "San Luigi", nella chiesa di Rossina; "Miracolo di San Francesco", nella chiesa di San Lorenzo; "Apparizione di Cristo alla Beata Alacoque", nella chiesa di San Firenze; affreschi rappresentanti "Le virtù", nella chiesa di San Remigio in Firenze; affreschi e pitture nella chiesa di San Felice, nel Palazzo Pitti, nei palazzi Guicciardini, Conti, Fenzi, Gerini, Colonna, sempre a Firenze, altri nelle chiese di Pontassieve, di Scopeto, di San Donato a Villa, di Figliano, di San Cresci in Valcava, di San Quirico a Uliveto. Altri lavori: "Episodio del Sacco di Roma del 1527", commissionato da Vittorio Emanuele Il; "La musica", "La danza", "La tragedia", "La commedia", per il Teatro Nuovo del Cairo. Altre opere sono conservate in Inghilterra, in Francia e in America.


Works of Ferdinando Folchi



 

would you like to sell a work of Ferdinando Folchi?

 

would you like to buy a work of Ferdinando Folchi?

 

Please fill out the form below


Select the images you would like to upload and send to us

Select image n.1
Select image n.2
Select image n.3