Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Raffaele Casnedi

Casnedi Raffaele

Runo, Dumenza - Varese 1822 / Milano 1892

Pittore, Decoratore
Biografia

da A.M. Comanducci ediz 1962

Nato a Runo (Varese) il 26 settembre 1822, morto a Milano il 29 dicembre 1892. Destinato dal padre alla professione dell'albergatore, riuscì ad iscriversi all'Accademia di Milano, dove rimase, si può dire per tutta la vita: come scolaro dal 1840 al 1850 e come insegnante dal 1860 in poi. Studiò e lavorò durante il tempo in cui si manifestò, per opera dei «macchiaiuoli», quel rinnovamento nella pittura che portò alla caduta della scuola neoclassica e romantica. Il Casnedi non seguì questo movimento. Fu un grande pittore; ma rimase accademico benché vivesse con compagni d'arte quali Filippo Palizzi, Telemaco Signorini, Antonio Fontanesi e Tranquillo Cremona e ne vedesse le opere. Si dedicò poco alla pittura di cavalletto, preferendo l'affresco e scegliendo soggetti nel campo della religione, che fu sempre viva nel suo cuore. Cosicché nei suoi affreschi questo sentimento religioso, che gli guidava la mano, si è tradotto in altrettanta spontaneità e profondità di ispirazione, in naturalezza e in suggestione di atteggiamenti, in armonia e verità storica, pregi che bastano a fargli perdonare una minor valentia di colore. Tra le sue migliori opere si ricordano: la decorazione del salone reale della abbattuta Stazione centrale, la lunetta della Galleria Vittorio Emanuele; il sipario del teatro alla Scala in Milano; "La benedizione dei fanciulli"; e "Mosè scende dal Sinai" a Valmadrera; tutti gli affreschi della chiesa di Besana; "Il prigioniero di Chillon", che esposta nel 1885 alla Mostra di Belle Arti di Brera, ottenne dalla critica di allora un grande plauso. Altri suoi lavori: affreschi nella chiesa di Rho, di San Pietro in Novara, di San Biagio in Palombara; "Le contadine lombarde che stanno lavando al lago" e "Donne della campagna romana", che furono esposti alla I Mostra di Firenze del 1861. Altri quadri di genere: "Ciociara"; "L'erbivendola"; "L'acquaiola"; "Visita alla balia"; "L'obolo della vedova". Quadri ad olio ed acquarelli di lui sono dispersi un po' per tutta Italia e all'estero, conservati in raccolte di privati e alcuni in pinacoteche. Partecipò a pochissime esposizioni perché le cure dell'insegnamento non gliene lasciarono il tempo.

Bibliografia

A.M. Comanducci - Pittori italiani dell'Ottocento - Milano 1934
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni - II ediz. Milano 1945
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni e contemporanei - III ediz. Milano 1962

A De Gubernatis - Dizionario artisti italiani viventi - 1889

Thieme Becker  - Kunstlerlex - 1912

Mongeri - L'Arte in Milano - 1872

Natura ed Arte - 1892/93

Illustrazione Italiana - 1893

 


Opere dell'autore Raffaele Casnedi



 

Vuoi vendere un'opera di Raffaele Casnedi?

 

Vuoi comprare un'opera di Raffaele Casnedi?

 

utilizza l'apposito modulo di contatto qui sotto


Puoi caricare delle immagini da allegare al messaggio:

Seleziona immagine n.1
Seleziona immagine n.2
Seleziona immagine n.3