Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Vincenzo Camuccini

Camuccini Vincenzo

Roma 1771 / Roma 1844

Painter, Engraver
Biografia

da A.M. Comanducci ediz 1962

Nato a Roma il 22 febbraio 1771, morto nella stessa città il 2 settembre 1844. Discepolo di Domenico Corvi, che lo fece esercitare per lungo tempo nella copia dei maestri del Cinquecento, e poi di Pompeo Batoni. Fu un corretto disegnatore, abile specialmente nelle composizioni e nei ritratti. Come Andrea Appiani sr, Luigi Sabatelli e Pietro Benvenuti, rimane nella storia dell'Arte italiana come uno dei rappresentanti del neoclassicismo. Visse a Roma, «pittore incontrastato», fra cariche e onori. Fu presidente dell'Accademia di San Luca, sovrintendente dei Palazzi Apostolici, membro corrispondente dell'Istituto di Francia, e nel 1820 venne nominato barone da Pio VII. La sua vasta produzione è sparsa per le chiese romane, in gallerie di Stato e in quadrerie private. Fra le sue opere principali si ricordano: "La morte di Giulio Cesare" e "La morte di Virginia", tele acquistate dal re di Napoli e conservate nella Galleria di Capodimonte (i bozzetti, vivacissimi e ariosi, assai più pregevoli dei quadri, sono ospitati nella Galleria d'Arte Moderna di Roma); "L'incredulità di San Tommaso", ordinata da Pio VII, riprodotta in mosaico, esiste in San Pietro; "La presentazione al Tempio", per la cappella della Madonna del Rosario in San Giovanni di Piacenza; "Il miracolo di San Francesco da Paola", nella chiesa omonima di Napoli; "San Gregorio e Sant'Agostino", nella chiesa di San Nicolò in Catania; "Sant'Orso", nella chiesa metropolitana di Ravenna; "La conversione di Saul" nella chiesa di San Paolo in Roma; "Tolomeo Filadelfo" e "Carlo Magno" sono conservati nella Reggia di Napoli; "Discesa di Gesù al Limbo"; "La battaglia di Ratisbona", "Cornelia madre dei Gracchi", per Elisa Bonaparte principessa di Lucca; "Deposizione", per il re di Spagna; "Federico Barbarossa dà il comando della città di Perugia a Lodovico Baglioni duca di Svevia", per la casa Baglioni di Perugia; i ritratti di: "Pio VII", conservato nella Pinacoteca di Cesena; del "Duca di Blacas"; del "Re di Napoli e della Regina"; della "Contessa Sconvaloff"; della "Contessa Dietrischstein"; del "Pittore Kral" nella raccolta del barone Camuccini a Roma, insieme ad un altro bozzetto della "Morte di Giulio Cesare". Coltivò la litografia.

Bibliografia

A.M. Comanducci - Pittori italiani dell'Ottocento - Milano 1934
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni - II ediz. Milano 1945
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni e contemporanei - III ediz. Milano 1962
L. Servolini - Dizionario illustrato incisori italiani moderni e contemporanei - Milano 1955

L. Ozzola - La Litografia italiana - Roma 1929

G. Dall'Armi - Cenni sulla litografia - Roma 1826

A. Calabi - L'Incisione italiana - Milano 1931

Thieme Becker  - Kunstlerlex - 1911

C.W. Ceci - Artisti litografi italiani dell'800 (L'Arte Grafica) - Roma 1939

Zeitschrift f. Bucherfreunde - 1913

Poliorama pittoresco - 1840/41   1844/45

Nagler - Kunstlerlex

Falconieri - Vita di Vincenzo Camuccini


Works of Vincenzo Camuccini



 

would you like to sell a work of Vincenzo Camuccini?

 

would you like to buy a work of Vincenzo Camuccini?

 

Please fill out the form below


Select the images you would like to upload and send to us

Select image n.1
Select image n.2
Select image n.3