Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Giacomo Calderini

Calderini Giacomo

Parma 1883 / Varallo Sesia - Vercelli 1949

Painter
Biografia

da A.M. Comanducci ediz 1962

Nacque a Parma il 15 marzo 1883. Figlio del Rettore dell'Università di Bologna, aveva studiato in quell'Accademia di Belle Arti ove fu allievo di Domenico Ferri e poi suo assistente. Esordì come ritrattista (un grande ritratto del padre, in toga universitaria, ed altri furono esposti con successo in mostre valsesiane, torinesi e milanesi) mentre ancora studiava; quindi si recò nella zona del lago di Bracciano per ritrarvi impressioni della campagna romana (è di quell'epoca, anche, un ritratto del Re soldato al campo) e, dopo la prima guerra mondiale, si stabilì nella Valsesia, specie al Sacro Monte di Varallo, terra degli avi. "Anche nei suoi ultimi anni in Valsesia si raccolse in solitarie, contemplative, elaborate osservazioni di naturali splendori, in studio di tipiche, smaglianti figure, ed in Valsesia soprattutto svolse la propria attività in opere tutte spirituali, sprigionate più dall'animo che dal pennello, talmente intime nella loro elevatura da renderle intraducibili" (M. Costa). Insegnò disegno nella Scuola industriale "Verona e Trento" di Messina. Tra le principali opere: "Ritratto del padre", "Ritratto dello zio Paolo", "Sposa che repara il corredo", "Intorno al focolare", "Messa a Rimella", "Ritratto della moglie", "Ragazza che falcia l'erba", "Ritorno dal lavoro", "Riflessi al Riale della Crosa", "In attesa del minatore", "Morca", "Autoritratto" (1921), "Alba sul monte Rosa", "Fienagione", "Veccho pensoso". Morì di polmonite a Varallo Sesia il 12 febbraio 1949. Interprete con accenti personali immediati e intensi, e con una visione romantica specie nelle opere di minor formato, della terra privilegiata in cui visse, il Calderini ha fatto scrivere per la sua pittura che "l'espolosione dei suoi giallo-oro e l'intensità acuta dei suoi verdi, spesso contrapposti a zone nette, ne potrebbero fare una fauve nostrano, non cosmopolizzato, ma neppur provinciale" (Balestrieri) nel solco dellansotra tradiozne claissca.

Bibliografia

A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni e contemporanei - III ediz. Milano 1962

Pittura Valsesiana: Giacomo Calderini (da Valsesia nostra) - Torino 1951

Catalogo Galleria Vinciana di Milano, mostra di Giacomo Calderini - 1958


Works of Giacomo Calderini



 

would you like to sell a work of Giacomo Calderini?

 

would you like to buy a work of Giacomo Calderini?

 

Please fill out the form below


Select the images you would like to upload and send to us

Select image n.1
Select image n.2
Select image n.3