Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Giulio Turcato

Turcato Giulio

Mantova 1912 / Roma 1995

Painter, Sculptor, Engraver
Biografia

Nel 1943 espone alla IV edizione della Mostra Quadriennale d'Arte Nazionale al Palazzo delle Esposizioni di Roma il dipinto "Natura morta", mostra alla quale è ancora presente alla V edizione del 1948, alla VII del 1956 e quindi in maniera continuativa dalla IX del 1966 alla XII edizione del 1992. Nel 1942  partecipa alla XXIII edizione della Esposizione Internazionale Biennale d'Arte della Città di Venezia ed è ancora presente alla XXIV del 1948, alla XXV edizione del 1950, alla XXVI del 1952, alla XXVII del 1954, alla XXVIII del 1956, alla XXIX del 1958, alla XXXIII del 1966, alla XXXVI del 1972, alla XL del 1982 ed alla XLI edizione del 1984.

Dall'archivio della Quadriennale di Roma:

Si trasferisce con la famiglia a Venezia nel 1920. Dopo aver vissuto in diverse città italiane, nel 1943 si stabilisce a Roma dove espone alla Galleria Lo Zodiaco e prende parte alla IV Quadriennale. È dapprima partigiano e poi membro del partito comunista italiano dal 1945 al 1956. Nel corso della sua attività di artista, Giulio Turcato ha creato opere adottando sempre nuove soluzioni, ha sperimentato materiali insoliti quali sabbie, gommepiuma, vernici fluorescenti e supporti cangianti. Notevole il suo contributo ai movimenti d’arte astratta del dopoguerra. Nel 1945 è tra i fondatori dell’Art Club e nel 1947 del gruppo Forma 1: partecipa, sempre nel 1947, al Fronte nuovo delle arti e nel 1950 fa parte del gruppo degli Otto. Nel 1948 espone alla mostra "Arte astratta in Italia". L’anno successivo è nella delegazione italiana per il congresso della pace a Varsavia; dopo questo viaggio nascono le sue "Rovine di Varsavia" punto fondamentale, insieme ai "Comizi", di poco successivi, della sua poetica. Nel 1958 ha la sua prima sala personale alla Biennale di Venezia, presentato da Palma Bucarelli. Nel 1959 espone alla seconda edizione di Documenta. È premiato alla Quadriennale del 1965 e l’anno dopo espone le prime gommepiuma alla Biennale di Venezia. Negli anni Settanta e Ottanta si intensifica l’attività espositiva, vengono organizzate alcune importanti mostre antologiche: a Spoleto nel 1973, al Palazzo delle Esposizioni di Roma nel 1974, alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna nel 1986, e recentemente, nel 2008, al Museo d’Arte Moderna di Pescara.

Per informazioni complete sull'artista fare riferimento all'Archivio dell'artista (http://turcato.org/).

 


Works of Giulio Turcato



 

would you like to sell a work of Giulio Turcato?

 

would you like to buy a work of Giulio Turcato?

 

Please fill out the form below


Select the images you would like to upload and send to us

Select image n.1
Select image n.2
Select image n.3
Select image n.4
Select image n.5