Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Adolfo Tommasi

Tommasi Adolfo

Livorno 1851 / Firenze 1933

Painter
Biografia

da A. M. Comanducci
Nato a Livorno il 25 gennaio 1851, morto a Firenze il 5 ottobre 1933.
Dopo un breve periodo di lezioni alla scuola di Carlo Markò jr, si dedicò alla pittura dal vero, fortificandosi sotto la guida di Silvestro Lega, di Telemaco Signorini e di Giovanni Fattori.
Le opere sue, di svariato genere, serbano un'impronta di vivace originalità che suscitò, alle esposizioni del tempo, acerbe critiche e lodi entusiastiche.
Le copie dal vero eseguite con larghezza d'interpretazione, sono, affermò Guido Menasci, «altrettante strofe del quieto poema campestre che si svolge fra i colli toscani».
Buona la tecnica, buoni il disegno e la prospettiva, armoniche le tinte sebbene un po' uniformi.
Sue opere: "Monte Acuto", esposta a Firenze nel 1877; "Dopo la brina" che esposta a Torino nel 1880 sollevò, per la novità del soggetto, censure e ammirazione; "Il fischio del vapore", esposta a Torino nel 1884 ed attualmente nella Galleria d'Arte Moderna di Roma; "Nel parco"; "Dopo il tramonto"; "Un giorno di freddo a Firenze"; "Neve di marzo"; "La raccolta delle olive"; "Via provinciale maremmana"; "Libro aperto"; "Le ore calde"; "Bagno di sole"; "Una via di Cutigliano"; "Vagliatura del grano in montagna"; "Bella riva sull'Arno"; "Sull'aia"; "Lago Scaffaiolo"; "Sull'imbrunire"; "Ponte a Greve"; "Ritorno dal mercato"; "Antignano"; "Caccia ai pettirossi"; "La Cornia"; "Caccia ai germani"; "Strada provinciale genovese"; "La fonte"; "L'uscita dalla messa"; "Ultimi raggi"; "Architettura del '700"; "Mezzogiorno di giugno"; "Dopo un giorno di libeccio".
Poi: "Il canto della sfoglia" e "Paese toscano", esposte a Venezia, alla Prima Biennale; "Tramonto invernale"; "Prime note" e "Nell'ovile" presentate nel 1897 alla successiva Mostra; "Autoritratto", espostovi nel 1899; "Scala"; "Anitra" e "Strada" (pastelli), espostovi nel 1907; "Chiuso di pecore", proprietà di Felice Baragiola (Orsenigo); "Figura", nella raccolta del signor Pietro Ruffini di Milano; due "Paesaggi" e "Lavandaie", nella Galleria d'Arte Moderna di Milano; "Riposo di boscaioli"; "Sole autunnale"; "Buggiano Alto" e "Vele adriatiche", che figurarono nel 1922 alla Primaverile Fiorentina.


da Le Biennali di Venezia - Esposizione 1895 e 1897 
Nato a Livorno il 15 Gennaio 1851. Destinato dal padre al commercio, fu tratto all'arte da una prepotente vocazione e nel 1874 passò a studiare pittura a Firenze, sotto Carlo Markò jr.
Lasciò dopo breve tempo tale studio, non piacendogli quel dipinger di maniera, si recò solo in campagna a ritrarre dal vero, e diventò cosi uno dei caldi seguaci del realismo.
Assai discusso fu il suo quadro «Dopo la brinata», vasto campo di cavoli presi dal gelo. Il «Il fischio del vapore», esposto a Torino nel 1884, fu tra le cose migliori di quella Mostra.
A Venezia nel 1887 mandò: «Via provinciale maremmana», «Una tiepida giornata primaverile», a Milano nel 1894 «L'Alzaja» e «La raccolta delle ulive». A Venezia nel 1895 mandò «Il canto della sfoglia» e «Paese toscano».
Il realismo del Tommasi è raggentilito da un mite senso dell'uomo e della natura.



Giovanni Fattori (bio)
Silvestro Lega (bio)
Carlo Markò jr(bio)
Telemaco Signorini (bio)


Works of Adolfo Tommasi



 

would you like to sell a work of Adolfo Tommasi?

 

would you like to buy a work of Adolfo Tommasi?

 

Please fill out the form below


Select the images you would like to upload and send to us

Select image n.1
Select image n.2
Select image n.3
Select image n.4
Select image n.5