Mario Reviglione

Reviglione Mario

Torino 1883 / Torino 1965

Painter, Engraver
Biografia

da A. M. Comanducci
Nato a Torino il 31 marzo 1883.
Frequentò per tre anni il corso di disegno presso l'Accademia Albertina della sua città.
Dal 1905 in poi ha preso parte, con quadri di paesaggio e di figura, alle mostre locali, annuali e quadriennali; ed a parecchie esposizioni nazionali in varie città; dal 1907 partecipa alle Biennali Veneziane.
Nel 1906 espose alla Mostra ordinata a Milano in occasione della inaugurazione del nuovo Valico del Sempione, un "Ritratto"; nel 1907, a Venezia, "Egloga autunnale"; nel 1909, "Giovine donna"; nel 1910: "Alba d'Epifania" e "Silenzio"; nel 1912: "Testa di vecchia" e "Ritratto"; nel 1914, "Golf giallo" (ritratto della signorina Mimì Mosso).
Dopo la prima guerra europea, alla Quadriennale Torinese del 1919 espose: "Nel crepuscolo della sera"; "Ritratto in nero" e "Ritratto"; a Venezia, nel 1920, "Nandina" (notturno festoso); nel 1922, tre notturni: "Dormiente"; "Nubi" e "Stelle"; nel 1923, a Torino, "Eternità"; nel 1924, a Venezia, "Elevazione"; nel 1926, "Notturno"; nel 1927, a Torino: "Gioia di Iuce a Chamois" e "Montanaro di Ayas".
La Galleria d'Arte Moderna di Milano conserva la sua tela "La fine di un giorno"; il Museo Civico di Torino, "Preludio lunare" e un "Ritratto".
Il Reviglione si dedica anche alla xilografia.




 

would you like to sell a work of Mario Reviglione?

 

would you like to buy a work of Mario Reviglione?

 

Please fill out the form below


Select the images you would like to upload and send to us

Select image n.1
Select image n.2
Select image n.3
Select image n.4
Select image n.5