Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Lattanzio Querena

Querena Lattanzio

Clusone - Bergamo 1768 / Venezia 1853

Painter
Biografia

da A.M. Comanducci

Nato a Clusone (Bergamo) 10 novembre 1768, morto a Venezia il 10 luglio 1853. Apprese i primi elementi dal pittore Carpinoni. Andò poi a Verona, allievo di Saverio Della Rosa fra il 1786 ed il 1788. Più tardi si trasferì a Venezia, dove studiò con Domenico Maggiotto, e frequentò l'Accademia e la gipsoteca Farsetti; ed a Venezia si stabilì verso il 1808. Abile restauratore di quadri e buon ritrattista, sebbene un po' freddo e manierato, impareggiabile nel copiare quadri di sommi artisti, fu continuatore fedele dei settecentisti veneziani. Delle sue moltissime opere poche sono rimaste in Italia, mentre i Musei di Londra, di Parigi, di Berlino, di Vienna, ne sono ricchi. Si citano di lui: "Diana e Callisto"; "Sacra Famiglia e San Giovannino"; "Vergine col Bambino"; "Maria Stuarda rifiuta di rinunciare al trono di Scozia"; "Ritratto di Raffaello"; "Ritratto di Lodovico Caracci"; "Ritratto di Giulio Romano"; "Ritratto d'ignoto", nel Museo di Padova. A Venezia: "Deposizione dalla Croce", nella chiesa di San Giovanni e Paolo (lo stesso monocromato in piccole dimensioni trovasi nel Museo di Padova); "Martirio di Sant'Apollinare", nella chiesa di Sant'Apollinare; "Sant'Antonio", nella chiesa di Santa Maria del Carmine; "San Pietro Accanto", nella chiesa di Sant'Apollinare; "San Giuseppe con Gesù Bambino"; "Il Golgota", nella chiesa di San Nicola da Tolentino; "Sant'Antonio adora Gesù", nella chiesa di San Cassiano; "Cristo risorto", nel soffitto della sacrestia della chiesa della Salute; "Gesù, Maria e Giuseppe", pala d'altare nella chiesa delle monache agostiniane di Santa Maria del Pianto; "La morte di San Saverio", nella chiesa di San Bartolomeo. Poi: "Madonna del Rosario con San Domenico", nella chiesa di Sant'Eufemia in Borgoricco Sant'Eufemia (Padova); "Ritratto di parroco", esposto a Venezia nel 1832; "Episodio della vita di Federico Barbarossa", esposto a Venezia nel 1838; due "Ritratti" nel palazzo dei conti Fogaccia a Clusone; ritratti di "Giuseppe Baldassini" e "Anna Adami Baldassini", proprietà della signorina Querena, che ha inoltre un "Ritratto di giovane donna" e "Autoritratto"; ritratti del "dott. cav. Agostino Fapanni" e di "Angela Fapanni", proprietà della signora Angela Fapanni Combi; "Prima comunione di San Luigi Gonzaga per mano di San Carlo Borromeo", opera giovanile che serve di pala d'altare della Congregazione dei Giovani; "Battesimo di Cristo", pala d'altare nella Parrocchiale di Sant'Antonio Abate a Lussingrande; "Cacciata dei profanatori dal Tempio", intorno alla quale lavorò sette anni: ricca composizione di mirabile tecnica che poi donò alla chiesa di Clusone. Il Senato Veneto gli affidò l'incarico delle composizioni dei cartoni per i mosaici che adornano il portale della Basilica di San Marco. Un suo "San Giovanni" si trova nella Galleria Tadini a Lovere. A Clusone sua patria dipinse la pala d'altare della Chiesa dei Morti nuovi; la grande tela: "Cristo che scaccia i profanatori dal tempio" della chiesa Arcipresbiterale e per i conti Fagaccia i ritratti del "Conte Gerolamo" e della "Marchesa Calderari". Fu professore dell'Accademia di Venezia. Modesto, indefesso, disinteressato, lavorò fino a tarda età. La sua opera è come un anello che lega la pittura di due secoli.


Works of Lattanzio Querena



 

would you like to sell a work of Lattanzio Querena?

 

would you like to buy a work of Lattanzio Querena?

 

Please fill out the form below


Select the images you would like to upload and send to us

Select image n.1
Select image n.2
Select image n.3