Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Clemente Pugliese Levi

Pugliese Levi Clemente

Vercelli 1855 / Milano 1936

Painter
Biografia

da A. M. Comanducci
Nato a Vercelli il 29 settembre 1855, morto a Milano l'8 luglio 1936.
Dopo essersi dedicato sino ai vent'anni agli studi scientifici, si iscrisse all'Accademia Albertina, poi fu allievo privato di Enrico Gamba.
Conobbe più tardi Antonio Fontanesi, che lo ammise nella propria intimità e che egli considerò suo vero maestro.
L'influenza del grande paesista si nota soprattutto nelle prime opere del Pugliese Levi; poi l'artista si emancipò a poco a poco, accostandosi al vero con maggior obbiettiviamo e preoccupandosi di dare ai propri dipinti una luminosità più trasparente.
Ha trattato anche qualche soggetto di genere.
Espose i suoi lavori a tutte le principali mostre in Italia ed all'estero.
L'età avanzata rallentò la sua lena.
Esordì al Circolo degli Artisti di Torino, poi espose alle Promotrici torinesi: nel 1878, "Disinganno"; nel 1881, "I pizzi"; nel 1883, "A Porta Palass"; nel 1884, "Mercato di fiori"; "Tramonto" e "Dal vero"; nel 1886, "Al cader del sole"; nel 1889, "I banc 'd Porta Palass".
L'anno prima aveva inviato a Bologna, alla Mostra Nazionale: "Per la festa del mercato"; "Un giorno triste" e "Un bosco".
Nel 1896 fu ancora presente a Torino con "Una marcita", premiato ed attualmente conservato nella Galleria d'Arte Moderna di Roma, insieme con "Dintorni di Vercelli".
Partecipò alla Mostra tenutasi in Venezia nel 1887 con: "Calar del sole"; "Paesaggio"; "Fieno maturo" e "Mattino nuvoloso"; poi alle Biennali Veneziane dalla Il a quella del 1926.
Nel 1897 vi espose: "Nella valle della Lys" e "Lago di Varese"; nel 1899: "Mattino di sole in dicembre" e "Sull'imbrunire"; nel 1901: "Il Seeli" e "Una nevicata"; nel 1905: "Colorazione autunnale"; "Silenzio"; "Fine d'ottobre" e "Notturno"; nel 1910: "Visione mattinale" e "Luce lunare"; nel 1914: "Mattino sul Iago d'Orta", conservato nella Galleria d'Arte Moderna di Milano con "La siesta", "Sorge la luna", "Autoritratto", "A Porta Palazzo (Torino)" e "Vecchio Corso di Porta Venezia a Milano"; nel 1920: "Temporale imminente" e "In riva al lago"; nel 1922: "I cirri"; "La luna squarcia le nubi" e il nominato "Luce Iunare"; nel 1924, "Una forra" e "Primo sole nella valle"; nel 1926, "Praterie" e "Piano di Levico".
Alle Quadriennali torinesi del dopoguerra presentò: nel 1919: "Valle di Gressoney" e "Riflessi di luna"; nel 1923: "Si dilegua la nebbia"; "Arco di Iuna" e "Primo sole sul Rosa", quest'ultimo attualmente collocato nel Museo Civico di Torino.
Si citano ancora i suoi lavori: "Autunno inoltrato", nella Galleria d'Arte Moderna di Venezia; "Sole basso", nel Museo Borgogna di Vercelli; "UItimo sole", presentato a Milano alla Mostra ordinata in occasione dell'apertura del nuovo Valico del Sempione; "Notte chiara", inviato a Roma nel 1911 per la Mostra Internazionale del Cinquantenario; "Autoritratto"; "Un bosco di castagni"; "Mercato del pesce".



Antonio Fontanesi (bio)
Enrico Gamba (bio)


Works of Clemente Pugliese Levi



 

would you like to sell a work of Clemente Pugliese Levi?

 

would you like to buy a work of Clemente Pugliese Levi?

 

Please fill out the form below


Select the images you would like to upload and send to us

Select image n.1
Select image n.2
Select image n.3