Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Carlo Gaudenzio Lupetti

Lupetti Carlo Gaudenzio

Vogogna - Verbano Cusio Ossola 1827 / Nantes - Francia 1862

Painter
Biografia

da A.M. Comanducci

Nato a Vogogna il 21 gennaio 1827, morto improvvisamente a Nantes il 9 novembre 1862. Studiò presso Giuseppe Sotta di Malesco, poi a Buttogno con Gian Battista Simonis. Indi frequentò i corsi dell'Accademia Albertina di Torino, dove si guadagnò la medaglia d'argento e il premio per il nudo. In seguito, si trasferì a Parigi, nel Belgio, in Olanda. Eseguì quadri di genere notevoli per forza di sentimento e vivacità di colorito. Fra i suoi lavori si ricordano: "La zingara", esposto nel 1854 alla Promotrice Torinese, acquistato da re Vittorio Emanuele II e donato da Umberto I alla Pinacoteca Galletti di Domodossola. "L'Innocenza", pure conservato nella stessa Pinacoteca; "Il primo bacio"; "Gli studenti discoli"; "Il sogno d'amore"; "Il naturalista"; "Il pittore fra i suoi modelli"; "Congresso dei cani", conservato nella casa Borgnis Zamboni di Santa Maria Maggiore; "Il ritratto di un repubblicano"; "Episodio del Diluvio Universale" (a carbone), copie perfette dal Rubens e dal Van Dyck, e "Lotta di tori", ispirata all'opera del francese Brascassat. A Prestinone nella casa paterna, ora Witzel si conservano parecchi suoi lavori e studi, fra i quali "Autoritratto" e il "Ritratto del padre", e un bozzettone raffigurante "Due cavalli trainanti un carro". Nei primi anni di vita artistica si esercitò in diversi affreschi in due cappellette di campagna e nell'oratorio di Prestinone, e a Malesco nelle cappelle gentilizie da Gerolamo Pollini e dei fratelli Barbieri.


Works of Carlo Gaudenzio Lupetti



 

would you like to sell a work of Carlo Gaudenzio Lupetti?

 

would you like to buy a work of Carlo Gaudenzio Lupetti?

 

Please fill out the form below


Select the images you would like to upload and send to us

Select image n.1
Select image n.2
Select image n.3