Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Serafino De Tivoli

De Tivoli Serafino

Livorno 1826 / Firenze 1892

Painter
Biografia

da A. M. Comanducci ediz 1962
Nato a Livorno nel marzo 1826 morto a Firenze nel 1890 1892.
Allievo di Carlo sr Markò a Firenze. Recatosi a Parigi, ne ritornò dopo qualche tempo coi nuovi principi dell'arte di Gustave Courbet e di Edouard Manet. Trattò abilmente e con sentimento quadri di paesaggio e di figura, trascurando a volte, il disegno per la ricerca di una maggior forza e armonia di colore. Emilio Cecchi così scrisse di lui: «Talvolta si accosta ai toni crepuscolari di Jean Baptiste Camille Corot e di Charles Francois Daubigny; e anche nelle sue ricerche più libere non è mai violento nei rapporti, anzi piuttosto fiacco». Fu uno dei più attivi del gruppo dei macchiaiuoli toscani, dai quali venne chiamato «il papà della macchia». Visse molto all'estero, a Londra e a Parigi, e, benchè artista di merito, ebbe poca fortuna. Nel 1880 tornò a Firenze dove visse in povertà, dimenticato, il breve resto della sua vita. Sue opere: "La veduta della villa Salviati"; "Pascolo", conservata nel Museo civico di Torino; "Ritratto di Garibaldi", di proprietà del signor Pierce di Londra; "La Senna a Saint Denis" esposta a Parigi nel 1878; "L'antica pescata a Bougival" esposta a Torino nel 1880, "Veduta dei dintorni di Parigi"; "Croissy"; Rive di un fiume a Marly le Roy"; "Veduta presso il convento dell'Alvernia"; "La Senna a Marly", esposta a Milano nel 1881; "Un oroscopo nel secolo XVI"; "Vitello bianco e vitello nero", nella collezione Carniello; "Paese", nella collezione Dello Strologo; "Il ritorno dalla caccia" nella raccolta del commendator Chiesa di Varese; "Pastori e vacche in Maremma"; "Alba lunare"; "Pioggia imminente", "Campagna romana"; "Siesta nello studio", tutte nella raccolta Checcucci a Firenze; "La lettera alla mamma", nella Galleria d'Arte Moderna di Milano; "Lavandaie della Senna", esposta e premiata al Salone di Parigi nel 1880, attualmente nella raccolta del signor Luigi Florio di Milano. Nel 1848 e nel 1849 combattè con Garibaldi, e a Roma venne fatto prigioniero.

Bibliografia

A.M. Comanducci - Pittori italiani dell'Ottocento - Milano 1934
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni - II ediz. Milano 1945
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni e contemporanei - III ediz. Milano 1962

Thieme Becker  - Kunstlerlex - 1939

Opere

L'innocenza - Museo dell'Accademia Ligustica di Genova

La pesca sul fiume - Pinacoteca Corrado Giaquinto di Bari

L'Arno a San Rossore - Pinacoteca Corrado Giaquinto di Bari


Works of Serafino De Tivoli



 

would you like to sell a work of Serafino De Tivoli?

 

would you like to buy a work of Serafino De Tivoli?

 

Please fill out the form below


Select the images you would like to upload and send to us

Select image n.1
Select image n.2
Select image n.3