Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Angiolo D'Andrea

D'Andrea Angiolo

Rauscedo - Pordenone 1880 / Rauscedo - Pordenone 1942

Painter, Illustrator, Decorator
Biografia

Compie i suoi primi studi artistici e le sue esperienze ancora giovanissimo a Padova, ma lascia Rauscedo il piccolo paese natio in Friuli agli inizi del Novecento per spostarsi su consiglio del maestro Camillo Boito a Milano dove la sua arte è presto apprezzata tanto nei paesaggi, quanto nei ritratti, nei soggetti sacri e nelle nature morte.
L'avventura artistica di Angiolo D'Andrea a Milano ha inizio nel 1907 con la sua prima partecipazione all'Esposizione di Primavera, nel 1910 espone un suo dipinto alla Mostra Nazionale di Brera e in quegli anni inizia la sua collaborazione
con l'architetto Giulio Ulisse Arata, che scrive di lui su Emporium nel 1914
"Un altro colorista audace ed eccezionale è Angiolo D'Andrea... qualunque materia, anche la più insignificante, che passi attraverso la retina di questo artista si spiritualizza: l'intensità luminosa di un crepuscolo o la massa informe di quattro mura dirute, la fauna marina o la flora alpestre, la calma suggestiva di un lago o la visione abbagliante di un monumento assolato sono fissate sulla tela nel loro massimo equilibrio estetico..."
I fiori sono uno dei soggetti che appassiona D'Andrea, nelle sue composizioni si supera la raffigurazione classica con la forza del colore, squillante e succoso, utilizzato spesso anche nelle tonalità di verdi e violetti che creano con l'accostamento di oggetti di uso comune dell'artista scene ben equilibrate ed estremamente riuscite.
L'attività espositiva, e di conseguenza i riscontri di mercato, dalla metà degli anni Trenta ha un sostanzioso calo, le scarse simpatie di Angiolo D'Andrea per il regime fascista e il pubblico avviato nelle mutate estetiche del "Novecento", sono
probabilmente i motivi di questo calo d'interesse.
La situazione precipita nel 1941 quando Angiolo D'Andrea è colpito da grave malattia che gli impedisce quasi totalmente di dipingere, così decide di tornare a Rauscedo.



da A. M. Comanducci ediz 1962
Nato a Rauscedo (Friuli) il 24 agosto 1880, morto ivi il 13 novembre 1942. Nonostante la sua attività molteplice, sparsa, in una ricca serie di lavori, è noto soprattutto come paesista. Apparve la prima volta al pubblico, alla Biennale di Venezia del 1908, con "Nube rossa", che venne acquistata dal Re. Nel 1910, all'Esposizione di Brera a Milano concorse al premio Fumagalli, vincendolo col dipinto "Mattino a Nemi". Alla Biennale del 1920 espose "Orbe", al quale fu assegnata la medaglia d'oro del Ministero della Pubblica Istruzione. A Venezia, invitato, espose "Gratia plena". Raccolse la maggior parte dei suoi lavori in due mostre personali alla Galleria Pesaro, negli anni 1921 e 1926. Altre opere: "Terra al sole", nella Galleria d'Arte Moderna di Milano; "Il Duomo"; "Regine"; "Ombre di nubi"; "Annunciazione"; "Scogliera"; "Primavera"; "Calceolarie"; "Adorazione dei Magi". Ha affrescato nella casa Chierichetti una "Annunciazione"; la sala dei marmi nella villa della nobildonna Carla Visconti di Modrone Erba e in alcuni palazzi milanesi.

Bibliografia

A.M. Comanducci - Pittori italiani dell'Ottocento - Milano 1934
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni - II ediz. Milano 1945
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni e contemporanei - III ediz. Milano 1962

H. Vollmer - Kunstlerlex - 1953

Emporium - 1914   1922   1925   1926

Opere

Orbe - Galleria d'Arte Moderna Ricci Oddi di Piacenza


Works of Angiolo D'Andrea



 

would you like to sell a work of Angiolo D'Andrea?

 

would you like to buy a work of Angiolo D'Andrea?

 

Please fill out the form below


Select the images you would like to upload and send to us

Select image n.1
Select image n.2
Select image n.3